Vietnam, i vescovi cattolici «spaventati» dalla nuova legge liberticida sulle religioni in vigore dal 2018

Vietnam, i vescovi cattolici «spaventati» dalla nuova legge liberticida sulle religioni in vigore dal 2018

di Joseph Nguyen Hung
su «AsiaNews»

 

“La Legge sul credo e la religione varata dal governo ha dei punti innovativi e positivi. Tuttavia, restano molti aspetti che ci preoccupano e spaventano”. Ad affermarlo sono i vescovi vietnamiti, che sollevano dubbi sulla bontà del provvedimento che entrerà in vigore il primo gennaio 2018. Nonostante i pregiudizi e le visioni distorte sulla Chiesa che il governo diffonde, i leader cattolici ribadiscono l’impegno a lavorare per il bene del Paese ma esigono indipendenza dal regime.

Lo scorso primo giugno, in un messaggio alla presidente dell’Assemblea nazionale, Nguyễn Thị Kim Ngân, e ai 498 membri dell’organo legislativo, la Conferenza episcopale ha rivolto alcune osservazioni sull’ultima bozza della direttiva. I vescovi hanno inoltre inviato la loro dichiarazione ufficiale anche ai fedeli di 26 diocesi, invitandoli a pregare per il bene della nazione.

Il 18 novembre del 2016 l’Assemblea nazionale della Repubblica socialista del Vietnam aveva approvato la nuova norma, che regolamenterà la pratica religiosa nel Paese, condizionando in maniera diretta la vita dei cattolici. Il progetto della nuova legge è iniziato il 22 aprile 2015, quando l’Ufficio degli affari religiosi ha inviato a tutte le comunità religiose la quarta versione di una legge fino ad allora sconosciuta. Nelle settimane successive, leader caodaisti e cattolici hanno criticato in modo deciso la bozza giudicandola un “imprigionamento” delle religioni, definendo la legge “un passo indietro perfino sui Regolamenti su fedi e religioni del 2004”. Tuttavia, l’Assemblea nazionale ha deciso di portare avanti il progetto. I religiosi di cinque istituti cattolici hanno criticato la nuova legge, che “crea procedure farraginose, meccanismi soffocanti, una serie di vincoli tali da rendere impossibile ogni attività religiosa”.

Nella missiva del primo giugno scorso, la Conferenza episcopale sottolinea alcune qualità della legge, quali il riconoscimento del diritto alla religione dei detenuti nelle carceri e nei riformatori (Art. 6); degli stranieri (Articoli 8 e 47); dei forestieri che studiano presso le istituzioni religiose vietnamite (Art. 49). Il provvedimento riconosce inoltre le organizzazioni religiose approvate dall’agenzia di Stato competente come entità non commerciali (Art. 30).

Suscitano invece perplessità e preoccupazioni le ingerenze del governo verso le organizzazioni religiose attive nel campo dell’educazione e della salute. Una precedente bozza di legge, redatta il 17 agosto del 2016, stabiliva il diritto a fondare istituti di formazione, complessi sanitari, ambulatori, unità o locali di protezione sociale e le strutture di accoglienza. L’ultima versione del provvedimento rivede questo diritto e, usando termini generici e ambigui, invita le organizzazioni religiose a “prender parte” ad attività educative, sociali e sanitarie. “In che senso – domandano i vescovi – possiamo ‘prender parte’ a tali attività? Fino a che punto possiamo ‘prendervi parte’? Ci è ancora garantito il diritto di istituire unità sociali o fondazioni?”. “Quest’ultima versione della legge è un passo indietro rispetto alla precedente”, commentano i pastori.

Secondo i presuli, le ambiguità e le contraddizioni contenute nella norma alimentano il “meccanismo del chiedere e concedere”, attraverso cui il governo può “approvare o disapprovare le organizzazioni religiose”. Questo meccanismo legittima le interferenze negli affari interni delle comunità religiose e gli stretti controlli sulle loro attività. “Il progetto di legge – proseguono – mostra anche molta inadeguatezza circa le opinioni del governo sulla religione e le organizzazioni religiose. Le autorità guardano alle religioni come organizzazioni puramente politiche e, a volte, come  forze di opposizione. Le attività pastorali nel campo della carità, della salute e dell'istruzione non vengono valutate in maniera adeguata e le attività pastorali osteggiate”.

A tal proposito, alcuni studenti cattolici raccontano ad AsiaNews: “In alcune scuole o unità di formazione del governo, ci sono quadri educativi o docenti con forti pregiudizi contro il cattolicesimo. Essi propongono un giudizio sbagliato sulla storia del cattolicesimo in Vietnam. Allo stesso tempo, alcuni insegnanti, ‘para-esperti’ o professori hanno trasmesso e diffuso la disinformazione sul cattolicesimo, distorcendo l'immagine che le giovani generazioni hanno della Chiesa cattolica”.

La Conferenza episcopale sottolinea come “tali visioni e comportamenti rischiano di far perdere l'identità autentica delle religioni, dividendole tra loro e creando contrasti tra i credenti e le persone non religiose. Questi atteggiamenti sono vietati dalla presente legge (Art. 5)”.

I vescovi rispondono in maniera diretta all’appello del governo di lavorare per la crescita del Paese. “Il governo ha invitato le religioni ad accompagnare la nazione, siamo tutti d'accordo sulla prospettiva. Ma riteniamo che si debba distinguere in modo chiaro il concetto di nazione da quello di regime. La storia del popolo vietnamita in particolare e la storia del mondo in generale mostrano che i regimi politici cambiano sempre nel tempo, ma la nazione dura per sempre. Le religioni ispirano nobili valori spirituali nel cuore umano. In questo modo, la religione contribuisce a promuovere le tradizioni culturali della nazione, impegnandosi attivamente nella costruzione di una società giusta, democratica e civile.”.

Il Consiglio dei Vescovi si rivolge infine all'Assemblea Nazionale: “Quando vi sarà una corretta visione della religione, questa sarà la premessa per il vero rispetto della libertà religiosa delle persone. Speriamo che i nostri commenti onesti e diretti, a causa della nostra responsabilità storica e del nostro amore per la patria, siano ascoltati dal Congresso. Per quanto riguarda i documenti guida e l'applicazione della Legge, speriamo che il governo del Vietnam intraprenda nuovi percorsi, creando condizioni affinché le religioni partecipino in maniera più attiva alla costruzione e allo sviluppo del Paese. Questo è per la prosperità, la democrazia e la felicità del Vietnam”.

 

Banner
Tutti gli strumenti di formazione e informazione apologetica Scopri
Prev
  • Il Timone
    • Il mensile dei cattolici italiani
    • Firme prestigiose (Vittorio Messori, Rino Cammilleri, Massimo Introvigne, Costanza Miriano e molti altri)
    • Articoli brevi, semplici, di sostanza
  • Quaderni
    • Per rispondere punto per punto ai luoghi comuni contro il Papa e la Chiesa
    • 64 pagine, a colori, a soli 6 euro
  • juniorT
    JuniorT
    • Il “Timone dei ragazzi”
    • Articoli, notizie, Bibbia e Vangelo a fumetti, vite dei santi illustrate, curiosità, giochi, barzellette e altro ancora...
Next
Iscriviti alla newsletter
Sei un nuovo utente?
Registrati
Cerca