venerdì 03 luglio 2020
  • 0
di Alberto Brambilla
il Timone N. 196 di Giugno 2020
I 50 anni del Commissario Spada lo “sbirro” che cambiò il fumetto

Mai in Italia la figura del poliziotto – addirittura commissario, peggio ancora! – è stata problematica quanto negli anni Settanta. Erano gli Anni di Piombo, delle contestazioni, del terrorismo, ma anche dei poliziotteschi, che insieme ai libri di Giorgio Scerbanenco crearono un filone di narrativa gialla cruda, dura, brutale.

L’opinione pubblica era spaccata tra chi li vedeva come eroi dell’ordine e chi li odiava perché rappresentanti dello status quo, tra chi ne amava le rappresentazioni violente al cinema e chi le criticava aspramente nella realtà. È curioso, quindi, che il personaggio più ricordato di quegli anni del Giornalino, la rivista per ragazzi delle Edizioni San Paolo, sia proprio un poliziotto. Il commissario Eugenio Spada è un duro…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Giugno.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: