venerdì 21 settembre 2018
  • 0
il Timone N. 175 di Luglio 2018
L’Islam e la tratta degli schiavi neri

Tra le tante menzogne storiografiche c’è la convinzione che la tratta degli schiavi rappresenti una pagina nera della storia umana da addebitare solo all’Occidente cristiano, mentre le comunità musulmane sarebbero state immuni da discriminazioni e pregiudizi razziali. In realtà, come riconosce lo storico francese O. Pétré-Grenouilleau, «ci sono tanti esempi, sparsi nel tempo e nello spazio, che ci indicano come la presenza di schiavi non fosse di minore importanza nel mondo musulmano». Anzi, ribadisce l’economista belga Paul Bairoch, «rispetto al commercio di schiavi neri organizzato dagli Europei, il commercio di schiavi del mondo musulmano è iniziato prima, è durato più a lungo e, cosa più importante, ha colpito un numero maggiore di schiavi».

Nel 2014 la notizia delle donne yazide, molte poco più che bambine, ridotte in schiavitù dall’Isis, lo Stato Islamico, rapite, catturate, ridotte a «bottino di guerra», vendute all’asta come schiave sessuali, ha riportato l’attenzione su questa estrema violazione dei diritti umani che è lungi dall’essere scomparsa. Anche altri gruppi di jihadisti, ad esempio Boko Haram in Nigeria, praticano la schiavitù…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Luglio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: