martedì 22 gennaio 2019
  • 0
il Timone N. 180 di Gennaio 2019
Migranti, vittime del mondialismo

Perché il Patto globale sulle migrazioni – conosciuto come Global Compact – ha creato così tante divisioni e polemiche? Contrariamente a quello che la grande stampa progressista – anche cattolica – ha voluto far credere, il problema di fondo non è il razzismo o la xenofobia, ma lo scontro tra una ideologia mondialista e la difesa della sovranità nazionale o di quel che ne resta.

Analizzando i princìpi fondamentali del Global Compact, accompagnati da una grande campagna propagandistica tesa a farne un documento di importanza storica, si resta infatti colpiti dall’inutilità di gran parte degli obiettivi: in parte sono la riproposizione di princìpi già oggi riconosciuti, come il rispetto dei diritti umani di tutti i migranti, i ricongiungimenti familiari, la riduzione della vulnerabilità della migrazione e così via; dall’altra si tratta di obiettivi – vedi il coordinamento tra paesi per monitorare e gestire il fenomeno – comuni a tanti altri campi e che quindi non necessiterebbero di scomodare un summit mondiale.

Cos’è dunque che ha spinto molti paesi, dagli Stati Uniti all’Australia fino a diversi paesi est europei (l’Italia ha rimandato tutto al Parlamento), a non firmare questo documento?…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Gennaio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: