giovedì 21 novembre 2019
  • 0
il Timone N. 188 di Ottobre 2019
Montessori, il metodo che seduce è pieno di ombre

Maria Montessori (1870-1952) è spesso presentata, in libri e fiction televisive, come una disinteressata riformatrice dell’educazione, attenta soltanto al bene e alla libertà dei bambini. Meriti le vanno riconosciuti, per certi indubbi contributi all’educazione dei bambini in età evolutiva della prima e seconda infanzia (dai 3 anni) che hanno avuto un discreto successo nel mondo. La sua storia, però, fa trasparire aspetti inquietanti sulla sua ideologia.

Nel momento in cui inaugurava la sua prima Casa dei Bambini, Maria Montessori, da sempre agnostica, aveva ormai studiato a fondo la Teosofia a cui aderiva, e di questa concezione i suoi metodi portano molti segni. Femminista, libertaria, sostenitrice dell’educazione sessuale in età precoce. Nel 1913 tenne una conferenza in uno dei principali templi massonici del mondo, a Washington, così come è nota la sua frequentazione del Centro Teosofico Mondiale ad Adyar (India). Non erano casi, ma segni di un’adesione…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Ottobre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: