venerdì 19 gennaio 2018
  • 0
NEWS 17 marzo 2017    
Amoris Laetitia, Famiglia Cristiana e come aprire all’adulterio citando (male) san Tommaso

Riportiamo la parte di una risposta data dal direttore di Famiglia Cristiana, don Antonio Rizzolo, a un lettore sul tema di Amoris laetitia:

...Riguardo all’Esortazione Amoris laetitia, poi, penso che l’attuale dibattito dipenda dalla difficoltà, da parte di tanti, a superare una mentalità canonistica. C’è, a questo proposito, una bella frase nel documento, che prende spunto da san Tommaso d’Aquino. «È meschino soffermarsi a considerare solo se l’agire di una persona risponda o meno a una legge o a una norma generale, perché questo non basta a discernere e ad assicurare una piena fedeltà a Dio nell’esistenza concreta di un essere umano. Prego caldamente che ricordiamo sempre ciò che insegna san Tommaso d’Aquino e che impariamo ad assimilarlo nel discernimento pastorale: “Sebbene nelle cose generali vi sia una certa necessità, quanto più si scende alle cose particolari, tanto più si trova indeterminazione. […] In campo pratico non è uguale per tutti la verità o norma pratica rispetto al particolare, ma soltanto rispetto a ciò che è generale; e anche presso quelli che accettano nei casi particolari una stessa norma pratica, questa non è ugualmente conosciuta da tutti. […] E tanto più aumenta l’indeterminazione quanto più si scende nel particolare”» (n. 304). Un testo da meditare, come tutta l’esortazione.

Su cosa ha veramente scritto san Tommaso d'Aquino, su come il passo in questione della Somma Teologica venga ritagliato con astuzia per distorcere il pensiero dell'autore, rimandiamo all'articolo di Luisella Scrosati sulla Nuova Bussola Quotidiana «Valorizzare l'adulterio citando (male) san Tommaso» e all'intervento di Giacomo Samek Lodovici sull'ultimo numero del Timone, «Epicheia, virtù incompresa».

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: