giovedì 17 ottobre 2019
  • 0
NEWS 12 giugno 2014    
Apocalisse per i cristiani a Mosul. «Assassinati adulti e bambini. Corpi lasciati a centinaia nelle strade»

A rendere in tutta la sua drammaticità il clima che si respira in queste ore nel Nord dell'Iraq  - scrive il vaticanista , esperto di Medio Oriente Giorgio Bernardelli - è una mail inviata l'altra sera da un religioso domenicano di Mosul al suo superiore provinciale: «Vi scrivo in una situazione critica e apocalittica - si legge nel messaggio -. La maggior parte degli abitanti della città ha già abbandonato le proprie case ed è scappata nei villaggi; dorme all'aria aperta senza nulla da mangiare e da bere. Molte migliaia di uomini armati dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante hanno attaccato Mosul negli ultimi due giorni. Hanno assassinato adulti e bambini. I corpi sono stati lasciati a centinaia nelle strade e nelle case, senza alcuna pietà. Anche l'esercito e le forze regolari hanno abbandonato la città, insieme al governatore. Dalle moschee si sente il grido: “Allah Akhbar, lunga vita allo Stato islamico”».

Qui, il resto della cronaca dell'orrore. 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: