mercoledì 17 gennaio 2018
  • 0
NEWS 23 marzo 2017    
Fra breve sugli schermi italiani: eutanasia anche negli ospedali cattolici. Senza obiezione di coscienza

di Alfredo Mantovano

 

Policlinico Gemelli (Roma), Ospedale cardinale Panico (Tricase-Le), Ospedale pediatrico Bambin Gesù (Roma), Associazione la Nostra famiglia (sedi in tutta Italia), Fondazione Poliambulanza (Brescia), Piccolo Cottolengo-Don Orione (Genova e altre città), Fondazione Maugeri (sedi in tutta Italia), Ospedale Miulli (Acquaviva delle Fonti-Ba)… Sono oltre 100 gli ospedali e le case di cura di ispirazione cattolica che garantiscono con dedizione e generosità terapie, assistenza e dignità all’ammalato. A ciascuno di loro si applicherà – senza eccezioni rispetto alla Sanità pubblica – la legge sull’eutanasia, pudicamente denominata disposizioni anticipate di trattamento, che la Camera si accinge ad approvare. L’articolo 1 comma 10 impone infatti l’attuazione della legge a “ogni azienda sanitaria pubblica e privata” e non prevede la possibilità di sollevare obiezione di coscienza per il medico e per il personale ausiliario. Dedicato a quei cattolici – fra i quali pure qualche autorevole pastore – che ritengono necessaria l’approvazione delle nuove norme. Che Padre Pio illumini chi non si oppone a che i medici della Casa sollievo della sofferenza, a S. Giovanni Rotondo, si trovino fra breve costretti a uccidere il paziente invece che a curarlo!

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: