martedì 02 giugno 2020
  • 0
NEWS 30 aprile 2020    di Redazione
Funzionari comunisti cinesi rimuovono le croci dalle chiese

Le autorità comuniste nel territorio della diocesi di Anhui hanno rimosso le croci dalla cima di due edifici della chiesa,  il 27 aprile. Le autorità hanno rimosso la croce della Chiesa della Madonna del Rosario il 18 aprile, ha affermato un uomo identificato solo come «John», una fonte nella diocesi. John ha affermato che la parrocchia era registrata presso il governo, ma non aveva sacerdoti o suore per condurre le sue attività religiose. I parrocchiani laici gestivano programmi religiosi parrocchiali.
Cinque giorni prima dell’incidente i leader della parrocchia hanno contattato le autorità locali per riparare l’edificio, ma i funzionari hanno detto che il piano era di rimuovere le croci delle chiese cattoliche e protestanti nell’area.
Il 16 aprile, un funzionario del governo locale ha chiesto ai parrocchiani le chiavi della chiesa. «Volevano entrare in chiesa e rimuovere la croce», ha detto John. Il funzionario locale ha detto ai parrocchiani che stavano agendo secondo le «indicazioni dei superiori». Tuttavia, nessun documento è stato prodotto per dimostrare la veridicità di questa affermazione.

I parrocchiani hanno riferito quanto successo al vescovo Liu Xinhong dell’Anhui che ha ordinato loro di recarsi presso l’ufficio locale dell’Associazione patriottica cattolica cinese e chiedere dettagli, ma i funzionari locali dell’associazione hanno negato di avere informazioni in merito.
In un altro incidente nella diocesi di Anhui del 19 aprile, una croce è stata rimossa da una chiesa nella città di Suzhou intorno alle 4 del mattino, secondo un parrocchiano identificato solo come Paolo. L’operazione nelle prime ore è stata effettuata sotto la protezione della polizia. La polizia, infatti, non ha permesso alle persone di entrare in chiesa, radunarsi fuori o fare foto. Un telefono è stato sequestrato quando qualcuno ha fatto una foto.

Il 27 aprile, le autorità hanno tentato di rimuovere la croce di una chiesa protestante a Hefei. «La stessa routine e le stesse tattiche sono usate in tutta la Cina», ha detto un sacerdote dell’Anhui, identificato solo come padre Chen. «Questo non è il caso di una particolare diocesi o provincia. Sta accadendo ovunque».
«Se le chiese non si uniscono per resistere, molte altre croci saranno rimosse», ha detto il sacerdote. La diocesi di Handan nella provincia di Hebei sta anche affrontando la rimozione di croci o addirittura la demolizione di interi edifici ecclesiali, ha affermato un membro anziano del clero che non vuole essere nominato.

Da ottobre 2018, centinaia di croci in tutta la Cina sono state rimosse. Nell’ottobre 2019, una chiesa nella contea di Guantao nell’Hebei è stata demolita utilizzando come scusante l’ «occupazione illegale di terre coltivate». Quest’anno, le croci di due chiese nella contea di Qiu nell’Hebei sono state rimosse. I sacerdoti hanno detto che le diocesi coopereranno per rimuovere le croci nella speranza di salvare almeno l’edificio della chiesa. (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: