venerdì 22 marzo 2019
  • 0
NEWS 2 luglio 2015    
I cattolici della Hong Kong  «cinesizzata» scendono in piazza per chiedere vere elezioni democratiche

di Victoria Ma

 

Oltre 48mila persone hanno preso parte a Hong Kong alla prima marcia in grande stile dopo il voto del 17 giugno col quale i parlamentari hanno respinto il pacchetto di riforme per continuare a chiedere un vero suffragio universale e un miglior livello di vita nella città.

Oggi, 1 luglio, si commemora il 18mo anniversario del trasferimento di sovranità di Hong Kong al governo cinese.

La marcia era organizzata dal Civil Human Rights Front, che collega gruppi religiosi, partiti, parlamentari, gruppi civili e femminili. La marcia si è snodata dal Victoria Park fino al Central Government Office. I manifestanti hanno chiesto di “costruire una vera democrazia per Hong Kong” e di “riconquistare il futuro della città”.

Malgrado una temperatura di oltre 30 gradi, la popolazione locale ha marciato per la democrazia e la libertà in Hong Kong, per un emendamento alla Legge fondamentale, per una maggiore protezione per i diritti dei disabili e delle minoranze e per una maggiore libertà in campo accademico. I disabili hanno chiesto anche maggiori aiuti finanziari per il trasporto.

Prima dell’inizio della marcia, cattolici e protestanti hanno dato vita a un momento di preghiera nel Victoria Park. Centinaia di cristiani si sono uniti all’incontro ecumenico e hanno pregato per il progresso politico di Hong Kong, per un migliore ambiente di vita nella disparità di ricchezza nella società, per la Chiesa, perché abbia il coraggio di dire la verità, e per un regime di diritto a Hong Kong.

“Noi – ha detto il vescovo ausiliare Joseph Ha a coloro che hanno preso parte all’incontro di preghiera – ci siamo riuniti non solo per vincere un sistema elettorale, ma perché amiamo, amiamo la nostra società, la nostra nazione, il nostro popolo”. “Nell’attuale sistema politico – ha aggiunto – noi vediamo sofferenze,  ingiustizie sociali, i deboli che non hanno via d'uscita dagli stenti. I livelli di vita e la politica del popolo sono strettamente legati”.

Il cardinal Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong e numerosi sacerdoti cattolici e pastori protestanti erano presenti e hanno benedetto insieme i presenti, prima di unirsi alla marcia.

Il cardinale Zen ha parlato contro la decisione del capo dell'esecutivo di non invitare un legislatore eletto, Leung Kwok-hung, un attivista soprannominato Capelli lunghi, di partecipare alla cerimonia di alzabandiera del 1 ° luglio.

Nell’articolo scritto il 30 giugno, il cardinale Zen ha detto che la riforma politica è stata respinta da voti “pan-democratici” e che ciò ha salvaguardato la dignità delle persone, ma non ha portato avanti il vero suffragio. “Io ho deciso di unirmi alla pacifica marcia del primo luglio per continuare a chiedere un vero suffragio”.

L'affluenza dei manifestanti è stata inferiore rispetto agli anni precedenti. Durante lo scorso anno, i raduni e il “Movimento degli ombrelli” avevano politicamente diviso i residenti locali. Nel 2014, la marcia aveva visto un numero enorme di partecipanti – gli organizzatori parlarono di 510mila - raccolti dal crescente malcontento per i limiti posti da Pechino su come Hong Kong avrebbe potuto scegliere il suo prossimo leader.

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: