venerdì 03 luglio 2020
  • 0
NEWS 26 giugno 2020    di Redazione
La presidente delle donne cattoliche tedesche appoggia Planned Parentood

Il presidente della principale organizzazione femminile cattolica in Germania ha dichiarato il suo sostegno ai “diritti riproduttivi” – compreso, “come ultimo, il terribile ricorso all’aborto” – e per un’iniziativa sostenuta dalla International Planned Parenthood Federation. Maria Flachsbarth è presidente della Federazione delle donne cattoliche tedesche (KDFB) dal 2011. Madre cattolica di due figli e membro del parlamento dell’Unione Democratica Cristiana è anche membro del Comitato centrale dei cattolici tedeschi, l’organizzazione laica che coordina il controverso “Processo sinodale” con la conferenza episcopale tedesca.

Il 19 giugno, una portavoce del Ministero federale per la cooperazione e lo sviluppo economico – per la quale Flachsbarth lavora come segretario di stato parlamentare – ha confermato che Flachsbarth si è impegnata a sostenere “She Decides”, un’iniziativa sostenuta da Planned Parenthood. Le affiliate internazionali di Planned Parenthood costituiscono la più grande rete globale di fornitori di aborti. La portavoce ha elogiato Planned Parenthood, affermando che l’organizzazione ha dato «un contributo importante alla riduzione dell’elevato tasso di mortalità materna nei paesi in via di sviluppo attraverso il supporto medico a madri e bambini durante la gravidanza e il parto».

Secondo Flachsbarth, l’iniziativa SheDecides è impegnata a «proteggere le ragazze e le donne dalla sofferenza, consentendo loro di vivere in salute e dignità e offrendo loro opportunità di istruzione e una vita autodeterminata», ha detto la portavoce. Ciò include anche l’accesso ai «servizi di salute sessuale e riproduttiva di base e all’autodeterminazione sul proprio corpo». Ha aggiunto che SheDecides mira a proteggere le donne dalle conseguenze di «aborti non sicuri». «Come membro del Bundestag tedesco, come segretario di stato parlamentare e anche nel mio ufficio onorario in qualità di presidente del KDFB, mi sono sempre impegnata nella protezione della vita, soprattutto nelle fasi particolarmente delicate all’inizio e proprio fine. L’aborto non è mai un mezzo di pianificazione familiare. In singoli casi può essere un’ultima, terribile soluzione», ha detto Flachsbarth tramite la portavoce.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica afferma che: «Dal primo secolo la Chiesa ha affermato il male morale di ogni aborto procurato. Questo insegnamento non è cambiato e rimane immutabile. L’aborto diretto, vale a dire l’aborto voluto sia come fine o un mezzo, è gravemente contrario alla legge morale» (n. 2271). Papa Francesco ha ripetutamente denunciato l’aborto e altri attacchi contro la vita umana nella sua enciclica Laudato si. Nel 2018 ha paragonato l’aborto di bambini malati o disabili a una «mentalità nazista». Nell’aprile 2019, il rappresentante della Santa Sede presso le Nazioni Unite ha dichiarato alla Commissione delle Nazioni Unite per la popolazione e lo sviluppo che l’insistenza sul “diritto all’aborto” ha sminuito gli sforzi della commissione per affrontare le reali esigenze di madri e bambini. «Suggerire che la salute riproduttiva include un diritto all’aborto viola esplicitamente il linguaggio dell’ICPD, sfida gli standard morali e legali all’interno delle legislazioni nazionali e divide gli sforzi per affrontare i reali bisogni di madri e bambini, in particolare quelli non ancora nati», ha affermato l’arcivescovo Bernardito Auza. Nel settembre 2019, rappresentanti di 19 paesi, tra cui la Santa Sede e gli Stati Uniti, hanno dichiarato alle Nazioni Unite che non esiste un “diritto internazionale all’aborto” e che termini “ambigui” come “salute sessuale e riproduttiva” dovrebbero essere rimossi da documenti ufficiali.

Il sostegno di Flachsbarth a Planned Parenthood è stato criticato da altri membri del Partito dell’Unione Democratica Cristiana. In un’intervista al quotidiano Tagespost, il politico della CDU Hubert Hüppe ha accusato Flachsbarth di essere “una protagonista della lobby dell’aborto”. Hüppe ha anche invitato i vescovi tedeschi ad intervenire, dicendo che avevano il dovere di farlo. Altrimenti, i vescovi perderebbero loro stessi la credibilità, se il “sostegno aperto” del presidente del KDFB rimarrà senza conseguenze. Ad oggi, nessun vescovo tedesco ha commentato pubblicamente.

Secondo una legge del 1995, le donne che cercano un aborto in Germania devono chiedere una consulenza, dopo di che possono ricevere un certificato che consente loro di ottenere un aborto fino alla 12a settimana di gravidanza. Nel 1999, il Vaticano ha ordinato ai vescovi tedeschi di ritirarsi dal sistema di consulenza statale per timori di compromettere inequivocabile l’opposizione della Chiesa cattolica all’aborto. A quel tempo, la Chiesa gestiva più di 200 dei 1.600 centri di consulenza per la gravidanza del paese.

SheDecides è stata fondata dal politico olandese Lilianne Ploumen in risposta alla decisione del presidente Donald Trump del 2017 di ripristinare la politica di Città del Messico inn base alla quale le organizzazioni non governative straniere potrebbero non ricevere finanziamenti federali statunitensi se eseguono o promuovono l’aborto come metodo di pianificazione familiare. SheDecides ha ottenuto il supporto di almeno 60 paesi e decine di ONG. Entro sei mesi l’iniziativa ha ricevuto donazioni per un valore di $ 300 milioni.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: