mercoledì 26 febbraio 2020
  • 0
NEWS 4 febbraio 2020    di Redazione
La Cina vieta i funerali cristiani

Nella provincia orientale dello Zhejiang, il governo ha messo in vigore una serie di regolamenti che vietano ai sacerdoti di partecipare alle preghiere funebri al di fuori di un luogo religioso.
Il governo sostiene che le nuove regole mirano a «sbarazzarsi dei cattivi costumi funebri e stabilire un modo scientifico, civile ed economico di svolgere i funerali».

«Il personale clericale non è autorizzato a partecipare ai funerali» nelle case e «non più di 10 membri della famiglia dei defunti sono autorizzati a leggere le Scritture o cantare inni a bassa voce», affermano le nuove regole. Le norme stanno entrando in vigore di recente, sebbene siano state emanate il primo dicembre, ha affermato un cattolico nella diocesi di Wenzhou nello Zhejiang.

Il regolamento proibisce rigorosamente «le attività religiose al di fuori dei luoghi religiosi, quindi il sacerdote non sarà in grado di tenere preghiere funebri fuori dalla chiesa», ha detto a UCA News,
Padre Guo della parrocchia di Henan, che fa parte della chiesa aperta approvata dallo stato, ha riferito che i funzionari del governo hanno chiesto loro di seguire rigorosamente il regolamento sugli affari religiosi. «Altrimenti ci sarebbero sanzioni. La punizione potrebbe anche essere la chiusura della chiesa e la cancellazione del certificato del sacerdozio del prete, lasciando che il presbitero torni a casa», ha detto.
Padre Guo non ha negato che la situazione della Chiesa cinese sia preoccupante. Fa notare, poi, che i comunisti terranno dei servizi commemorativi quando moriranno. «Perché a noi cattolici non è permesso tenere una cerimonia? Questa è persecuzione», ha aggiunto.

Padre Peter Lee, un altro membro della chiesa, ha riferito che le nuove istruzioni del governo non sono ancora arrivate da lui.
«Tengo ancora i sacramenti nelle case dei parrocchiani morti. Come sacerdote, devo accompagnare i membri della chiesa per farli sentire come se tutti fossero una famiglia. In particolare, battesimi e funerali sono molto importanti per le famiglie».

Zhang Haomin, leader della parrocchia di Cangzhou nella provincia di Hebei, ha dichiarato di non aver ancora ricevuto alcuna notifica dal governo, «quindi tutto continuerà come al solito. Il governo ora richiede alla società di semplificare i funerali. Le cerimonie funebri organizzate dalla nostra chiesa sono semplici, non bruciano carta e non inquinano l’ambiente», ha detto.


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: