martedì 02 giugno 2020
  • 0
NEWS 5 maggio 2020    
Mozambico: la guerra nascosta di cui quasi nessuno parla

Papa Francesco è stato uno dei pochi personaggi internazionali a parlare pubblicamente della violenza terroristica nella provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico. È una tragedia ignorata da molti e sconosciuta ad altri. Maria Lozano, della carità pastorale cattolica internazionale e fondazione pontificia Aid to the Church in Need (ACN International), ha recentemente parlato con il vescovo cattolico Luiz Fernando Lisboa della diocesi di Pemba, che si trova nella regione di Cabo Delgado, per saperne di più sulla situazione.

Qualche settimana fa abbiamo sentito parlare di attacchi alla città di Mocímboa da Praia, nel nord della tua diocesi. Qual è la situazione al momento?

«Negli ultimi mesi, non solo Mocímboa da Praia, ma anche Quissanga e Muidumbe sono stati attaccati. Questi sono i tre principali centri che hanno subito tali attacchi. A Mocímboa da Praia, mentre parlo, la situazione è sotto controllo, ma sfortunatamente ci sono stati molti saccheggi. Durante gli attacchi molte persone sono fuggite dalla città e si sono rifugiate nella foresta, trascorrendo la notte lì. Alcuni furfanti senza cuore hanno approfittato della situazione e molte case sono state semi distrutte; hanno rubato cibo, vestiti e altri effetti personali. La scorsa settimana [20 aprile] uno di questi ladri è stato catturato e linciato dalla gente. Sfortunatamente, questo intero clima di terrore ha finito per generare insicurezza e aumentare il crimine. Le persone sono così stanche e molto ansiose dopo quello che è successo».

Hai citato Muidumbe; questo è in effetti il distretto in cui si è verificato l’attacco più recente, venerdì santo, 10 aprile, nella missione cattolica nella città di Muambula. Cos’altro puoi dirci di questo attacco?

«Nel distretto di Muidumbe, infatti, sono state attaccate sette piccole città o villaggi durante i giorni della Settimana Santa, tra cui quello di Muambula dove si trova la missione cattolica del Sacro Cuore di Gesù, a Nangololo. Hanno attaccato la chiesa, bruciato le panchine e una statua della Madonna, fatta di ebano. Hanno anche distrutto un’immagine del Sacro Cuore di Gesù, a cui è dedicata la parrocchia. Fortunatamente, non sono stati in grado di bruciare l’edificio stesso, solo le panchine».

Questo è stato il primo attacco a una chiesa?

«No, questo non è stato il primo attacco a una chiesa. Avevano già attaccato e bruciato cinque o sei cappelle locali, ma hanno anche bruciato alcune moschee. Sebbene alla fine, a quanto pare, l’obiettivo sono le chiese cristiane. La cosa tragica per noi è che questa missione a Nangololo ha quasi cento anni ed è la seconda missione più importante della diocesi. Quindi, è stato un attacco molto tragico in ciò che simboleggia».

È vero che c’è stato un massacro in una delle città del distretto di Muidumbe?

«Sì, il 7 aprile a Xitaxi. Con nostra immensa tristezza, 52 giovani che si sono rifiutati di unirsi agli insorti sono stati massacrati. Per noi sono veri martiri della pace, perché non hanno accettato di prendere parte alla violenza, alla guerra, e questo è il motivo per cui sono stati assassinati».

A quanto sai, quanti attacchi ci sono stati dall’inizio del 2020?

«Non so esattamente quanti attacchi ci siano stati del tutto. Ma come ho detto, solo in quest’ultima ondata hanno attaccato sette città e villaggi. Oggi ho letto un bollettino che parla di 26 attacchi finora quest’anno. Ma a dire la verità, penso che il vero numero sia più alto».

Questi attacchi terroristici sono aumentati dal 2017 e il Mozambico è passato dall’essere un posto sicuro ad essere annoverato come luogo di potenziale pericolo. Com’è possibile che il Mozambico sia diventato un teatro del terrorismo islamico? Cosa stanno cercando di ottenere esattamente?

«Credo che questo cambiamento di percezione internazionale sia dovuto alla guerra di Cabo Delgado. Qui nel nord, e anche nel centro del paese, ci sono stati anche attacchi ai trasporti pubblici e questo crea un chiaro senso di insicurezza all’interno del paese. Tuttavia, non direi che il Mozambico sia un teatro del terrore islamico. Gli attacchi più recenti sono stati apparentemente rivendicati dallo Stato islamico, ma ci sono ancora dubbi al riguardo. Alcune persone stanno dicendo che è un gruppo locale che ha iniziato in piccolo e sta usando il nome di Stato islamico, mentre altri affermano che è davvero lo Stato islamico. Tutto quello che possiamo dire è che non lo sappiamo per certo. Allo stesso modo, non sappiamo cosa c’è dietro tutto questo, ma immaginiamo che abbia a che fare con le risorse naturali. Esistono molti interessi finanziari e coloro che finanziano tutto ciò trovano un terreno fertile a causa della povertà, della mancanza di opportunità e della conseguente disoccupazione giovanile. Cabo Delgado è sempre stata una provincia molto povera, trascurata da tutti, comprese le autorità. Quello che stiamo vedendo è il risultato di tutti questi fattori».

Ma gli autori di questi atti di terrore sono gli stessi in ogni caso, no? Da dove vengono?

«Come ho detto prima, non sappiamo esattamente chi siano gli agenti dietro queste azioni. Abbiamo notato che inizialmente hanno attaccato solo una singola località, ma recentemente hanno effettuato diversi attacchi contemporaneamente, almeno in due punti contemporaneamente. Non sappiamo da dove vengano, anche se molti rapporti indicano che mentre alcuni di loro sono mozambicani, il resto proviene dalla Tanzania e da altri paesi…».

Ma come funzionano? Esiste un’area particolare sotto il controllo terroristico o attacca e poi si ritira di nuovo?

«Non so se possiamo dire che esiste un’area sotto il controllo dei terroristi, ma c’è sicuramente una regione in cui sono più attivi. Le persone dei villaggi più vicini a questa zona sono state costrette ad abbandonare le loro case e non sono in grado di tornare, perché i terroristi vanno da lì in altri luoghi e poi tornano di nuovo».

C’è anche un elemento religioso in questi attacchi?

«È difficile da dire. Da quando hanno iniziato, le principali autorità musulmane di Cabo Delgado e in tutto il paese si sono allontanate dagli attacchi e hanno affermato di non avere nulla a che fare con tutto ciò. Qualche giorno fa hanno pubblicato un’altra lettera, la seconda, prendendo le distanze da questi gruppi. Nella dichiarazione insistono sul fatto che l’Islam è una religione di pace e comprensione tra i popoli e tra le religioni. Non vogliono violenza. Non possiamo dire che questi attacchi siano stati compiuti da gruppi religiosi. Sia a Cabo Delgado che nel resto del Mozambico non abbiamo mai avuto problemi tra le nostre religioni o tra i loro leader. Ci siamo impegnati in molte attività congiunte – preghiere, dichiarazioni e passeggiate per la pace».

I sacerdoti e i religiosi della regione sono in pericolo?

«Abbiamo sacerdoti e religiosi, uomini e donne in questa regione in cui si svolgono gli attacchi. Il personale ufficiale del governo, come insegnanti e operatori sanitari, ha lasciato i distretti perché stavano attaccando edifici pubblici. Una grande parte della popolazione è fuggita per paura. E anche diverse ONG straniere che operavano nel territorio sono andate via perché minacciate. Ho chiesto ai missionari di andarsene perché come loro vescovo diocesano sono responsabile per loro e il rischio di attacchi era imminente, dato che erano gli unici rimasti. Stavano iniziando ad attaccare le chiese e la violenza stava assumendo una dimensione religiosa. Devo tenerli al sicuro, anche se vogliono tornare al più presto per servire le persone».

Cosa sta facendo il governo centrale per alleviare la situazione?

«Il governo centrale ha rafforzato le sue difese e inviato rinforzi. Sta facendo la sua parte; Non so se potrebbe fare di più, ma è qui per fornire una difesa. Tuttavia, ci sono molti giovani nell’esercito che sono semplici giovani e quando si verificano gli attacchi ci sono molte diserzioni, fuggono nel bosco con la gente. Hanno pochissimo allenamento e poca capacità di far fronte a questa situazione. Provo un dolore terribile per i giovani che devono andare a combattere, perché molti di loro hanno già perso la vita».

Il Santo Padre ha parlato del Mozambico durante la sua Messa di Pasqua; è una delle poche voci ad aver rotto il silenzio.

«Sì, la domenica di Pasqua, dopo aver celebrato l’Eucaristia e aver dato la benedizione di Urbi et Orbi, il Santo Padre ha parlato della situazione che il mondo sta affrontando, della pandemia e dei vari conflitti in tutto il mondo. Per noi ha significato molto che si riferisse alla crisi umanitaria a Cabo Delgado perché c’è una certa “legge del silenzio” che la circonda».

Cosa intendi esattamente con riferimento a una “legge del silenzio”?

«La situazione è molto grave, perché non possiamo parlarne apertamente. Alcuni giornalisti nel paese sono stati arrestati e a molti di loro hanno sequestrato le telecamere. C’è un giornalista della stazione radio comunitaria di Palma, Ibraimo Abu Mbaruco, scomparso dal 7 aprile. È importante sapere cosa sta succedendo, soprattutto per le organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite, l’Unione Europea e l’Unione Africana per fare qualcosa al riguardo. Le persone qui hanno sofferto molto, ci sono state centinaia di morti, migliaia di persone costrette a lasciare le loro case. Nella nostra provincia abbiamo oltre 200.000 rifugiati. È un’ingiustizia che sta gridando in cielo. Le persone qui hanno pochissimo e quel poco che hanno lo stanno perdendo a causa di questa guerra. Chiedo aiuto e solidarietà per il mio popolo, affinché possano vivere di nuovo in pace». (Fonte)

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: