lunedì 16 settembre 2019
  • 0
NEWS 2 giugno 2014    
Per il re degli omosex USA il voto LGBT è determinante. Per far passare le «nozze» gay bastano i sondaggi
«Qualsiasi cosa succeda i matrimoni gay verranno approvati anche negli Stati Uniti e la questione non è più “se”, ma quanto presto».
David Mixner, 67 anni, storico attivista per i diritti civili definito da Newsweek «il gay più potente d’America», lo ha detto al Corriere della Sera. Probabilmente ha ragione da vendere e il perché è lui stesso a spiegarlo: «Il voto Lgbt (acronimo che sta per lesbico, gay, bisessuale e transgender, ndr) è molto importante: pesa due volte di più di quello ebraico ‒conferma Mixner, che nella sua carriera è arrivato a raccogliere 40 milioni di dollari per sostenere candidati pro gay ‒. La comunità Lgbt ha dato a Obama la percentuale più alta di voti dopo quella afroamericana. E il sostegno sarà altrettanto massiccio se sarà candidata Hillary Clinton».

In autunno gli americani voteranno per il rinnovo dell’intera Camera dei Deputati (ora a maggioranza piuttosto solida Repubblicana) e per un terzo dei senatori federali (ora non proprio a enorme maggioranza Democratica). Sarà un momento di verifica essenziale, non tanto per capire se Mixner ha ragione (perché purtroppo per ora sembra averla), ma per vedere se il fronte statunitense a difesa del matrimonio e dalla famiglia riuscirà a mettere in campo un’alternativa vincente in vista delle presidenziali del 2016.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: