martedì 02 giugno 2020
  • 0
NEWS 19 maggio 2020    di Redazione
Più di 600 cristiani nigeriani uccisi nel 2020

I cristiani in Nigeria hanno dovuto affrontare crescenti persecuzioni e un aumento delle vittime nei primi quattro mesi del 2020, secondo un nuovo rapporto pubblicato il 15 maggio. L’International Society for Civil Liberties and the Rule of Law (Intersociety) ha, infatti, dichiarato che 620 cristiani nigeriani sono stati uccisi dall’inizio dell’anno e ha mappato una campagna di distruzione e incendio doloso compiuto contro le chiese in la nazione africana.

La società, una non-profit fondata nel 2008 in Nigeria, lavora per promuovere le libertà civili, lo stato di diritto, la riforma della giustizia penale e il buon governo. Il suo rapporto afferma che «I principali jihadisti islamici nigeriani: i militanti Fulani Herdsmen e Boko Haram / ISWAP hanno intensificato la loro violenza anticristiana nella fascia centrale e nelle regioni nord-orientali».
«Le atrocità contro i cristiani non sono state verificate», afferma il rapporto, «con le forze di sicurezza del paese e gli attori politici interessati che guardavano dall’altra parte o colludevano con i jihadisti».
Intersociety ha affermato che, nonostante costituisca quasi la metà della popolazione del paese, dal 2009 circa 32.000 cristiani sono stati uccisi in attacchi islamisti.

I cristiani in Nigeria sono stati vittime di una crescente serie di attacchi, compresi i rapimenti per riscatto, dall’inizio dell’anno.
Nel gennaio di quest’anno, quattro seminaristi del Good Shepherd Seminary sono stati rapiti da un uomo armato . Dieci giorni dopo il rapimento, uno dei quattro seminaristi fu trovato sul ciglio di una strada, vivo ma gravemente ferito. Il 31 gennaio, un funzionario del seminario ha annunciato che erano stati rilasciati altri due seminaristi, ma che il quarto, Michael Nnadi, era rimasto disperso e si presume fosse ancora in prigionia. Successivamente è stato annunciato che Nnadi era stato ucciso.
In un’intervista dalla prigione all’inizio di questo mese, il leader della banda che ha rapito Nnadi ha preso il merito della sua uccisione, dicendo ai media locali che il seminarista 18enne «ha continuato a predicare il vangelo di Gesù Cristo» (leggi qui  e qui per approfondire)

A marzo, l’arcivescovo Ignatius Kaigama di Abuja, in Nigeria, ha invitato il presidente Muhammadu Buhari ad affrontare la violenza e i rapimenti in un’omelia durante la messa con la Conferenza episcopale cattolica della Nigeria.
«Dobbiamo poter parlare ai nostri leader; presidente, vice presidente. Dobbiamo lavorare insieme per sradicare la povertà, le uccisioni, il cattivo governo e ogni sorta di sfide che dobbiamo affrontare come nazione», ha detto Kaigama.
In una lettera del mercoledì delle ceneri ai cattolici nigeriani, l’arcivescovo Augustine Obiora Akubeze della città di Benin ha invitato i cattolici a vestirsi di nero in solidarietà con le vittime e pregare, in risposta alle “ripetute” esecuzioni di cristiani da parte di Boko Haram e rapimenti incessanti legati allo stesso gruppo.

Altri villaggi cristiani sono stati attaccati, fattorie incendiate, veicoli che trasportavano cristiani attaccati, uomini e donne sono stati uccisi e rapiti, e le donne sono state prese come schiave del sesso e torturate – uno “schema”, ha detto, per prendere di mira i cristiani.
Il 27 febbraio, l’ambasciatore degli Stati Uniti presso Large for Religious Freedom, Sam Brownback, ha dichiarato alla CNA che la situazione in Nigeria si stava deteriorando.
«Ci sono molte persone che vengono uccise in Nigeria, e temiamo che gli episodi si moltiplicheranno», ha detto.
«Penso che dobbiamo dare più spunti di intervento al governo. Possono fare di più», ha detto. «Non stanno assicurando alla giustizia queste persone che stanno uccidendo i cristiani. Non sembrano neanche avere l’urgenza di agire». (Fonte)


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: