venerdì 03 luglio 2020
  • 0
NEWS 1 marzo 2017    
Pronto “il Timone” di marzo, tradizionale e assieme ipertecnologico

Da oggi è in distribuizione il nuovo fasciolo de Il Timone, quello di marzo.

Come i nostri lettori sanno, da febbraio l'offerta editoriale si è arricchita per una lettura da PC, smarthphone e tablet grazie anche a una app personalizzata per iPhone, iPad o Android. Rimane, ovviamente, tutta l'offerta in versione cartacea.

Il numero 161 offre un primo piano con un'inchiesta di Andrea Zambrano sul tema della cosiddetta “omoeresia”, cioè una sottile e ramificata cultura interna al mondo cattolico che tende non semplicemente ad accompagnare le persone, ma a sdoganare un pensiero e un orientamento che è quello dell'omosessualismo. Ci sono libri, giornali, associazioni che, più o meno, finiscono per collocarsi in un'area Lgbt friendly. Lo provano dichiarazioni e pubblicazioni quantomeno ambigue.

Philippe Maxence, collaboratore de Le Figaro-Magazine, spiega ai lettori la situazione in Francia in vista del primo turno delle presidenziali del prossimo 23 aprile. Vediamo i candidati, le attese, e i cattolici d'oltralpe davanti al voto.

Dopo la recente scoperta di un sistema solare simile al nostro a circa 40 anni luce da noi, Umberto Fasol si chiede se gli extraterrestri esistono. Mentre Benedetta Frigerio si chiede se le donne senza gonne sono l'ultimo stadio evolutivo del femminismo:  fu vera emancipazione?

Il dossier centrale è dedicato all'architettura sacra, sempre più nichilista, sempre più impersonale. Spesso semplicemente brutta, dicono Vittorio Sgarbi, Antonio Paolucci e Pietro De Marco che ne hanno parlato con Il Timone. Perduta la via della Bellezza, l'uomo si ripiega su sé stesso.

«Si è persa la dimensione verticale», ha detto Sgarbi, «quindi gli architetti hanno manifestato il loro estro creativo senza più dover rispondere ad alcuna regola liturgica o delle forme, così come espresse da una lunga tradizione. Si è creato l’equivalente di una officina o di un magazzino che diventa chiesa».

Dedicato al Concilio Vaticano II è la rubrica Il Kattolico di Rino Cammilleri, mentre un approfondimento viene riservato al messale del '65, raccontandone genesi e evoluzione.

Oggi Il Timone sbarca sul digitale. L'offerta editoriale si arricchisce per una lettura da PC, smarthphone e tablet, grazie anche a una app personalizzata per iPhone, iPad o Android. Rimane ovviamente tutta l'offerta in versione cartacea a cui speriamo che sempre più lettori possano affezionarsi.

Come sempre Il Timone ospita le sue rubriche, a partire da quelle storiche, “Vivaio”, di Vittorio Messori, “La versione di Barra”, del fondatore della rivista Gianpaolo Barra; e altre più recenti come ad esempio “L'infiltrato”, che in questo numero si dedica all'Abbé Pierre,  e “Don Camillo sul crinale” di Lorenzo Bertocchi, in cui Peppone è alle prese con scissioni e potature.

Da oggi tutto questo lo potete leggere anche in digitale. Dal primo giorno di ogni mese di pubblicazione, Il Timone arriverà sul vostro PC, tablet o smartphone.

Accedi allo sfogliatore dal PC

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: