venerdì 03 luglio 2020
  • 0
NEWS 29 giugno 2020    di Redazione
Sacerdote cattolico tra i difensori della statua di San Luigi

Sabato scorso padre Stephen Schumacher, un sacerdote dell’arcidiocesi di St. Louis, era tra i difensori di una statua di spicco dell’omonimo della città mentre i manifestanti ne chiedevano la rimozione. Umar Lee, un organizzatore delle proteste, ha dichiarato il 27 giugno che la statua «sta per essere rimossa. Questa statua rappresenta l’odio e stiamo cercando di creare una città d’amore. Stiamo cercando di creare una città in cui le vite dei neri contano. Stiamo cercando di creare una città dove non esiste antisemitismo o islamofobia … questa statua non può essere un simbolo della nostra città nel 2020».

Padre Schumacher, la cui ordinazione sacerdotale è avvenuta nel maggio 2019, si è rivolto alla folla, tentando di informarli sulla vita di san Luigi, dicendo: «San Luigi era un uomo che voleva usare la sua regalità per fare del bene alla sua gente».

Moji Sidiqi della Regional Muslim Action Network, un altro organizzatore della protesta, ha dichiarato: «È una rivoluzione. È tempo di cambiamenti … in questo momento, la nostra missione numero uno è di abbattere questa statua e sederci con le persone che vogliono vedere il cambiamento che continua a guarire il nostro paese». Sidiqi ha aggiunto che pensava che la città dovesse essere ribattezzata. La statua si trova nel Forest Park della città di fronte al Saint Louis Art Museum. Fu eretta nel 1906 e raffigura Luigi IX Re di Francia, dal quale la città statunitense prende il nome. Secondo il St. Louis Post-Dispatch , circa 200 persone erano alla protesta. I cattolici che difendevano la statua hanno pregato il rosario e hanno cantato, e diversi agenti di polizia li hanno separati dai manifestanti.

Maria Miloscia ha detto al Post-Dispatch che san Luigi «simboleggia profonda fede e convinzioni. Lo sostengo. E sto qui per quelle virtù cattoliche e quei valori cattolici che ritengo importanti, come il coraggio, la fede e l’amore. Ma alla fine sono qui per Cristo Re». San Luigi fu re di Francia dal 1226 al 1270, e prese parte alla settima e all’ottava crociata. Ha limitato l’usura e ha istituito ospedali e si è preso cura personalmente dei poveri e dei lebbrosi. Fu canonizzato nel 1297.

Numerose statue di personaggi storici sono state demolite nelle ultime settimane in mezzo a proteste e rivolte in corso in tutto il paese. Mentre alcune proteste hanno abbattuto le statue di figure confederate come parte di un appello a porre fine al razzismo sistemico, altre statue sono state demolite da luoghi importanti, tra cui una di George Washington. Diverse statue di San Junipero Serra sono state demolite. In una lettera del 23 giugno, il vescovo Donald Hying di Madison scrisse che «Se permettiamo alla storia commemorativa e visiva della nostra nazione di essere distrutta da gruppi casuali nel momento attuale della rabbia, come impareremo mai da quella storia? Rovesciare e vandalizzare una statua di George Washington perché possedeva schiavi, serve davvero il nostro paese e la nostra memoria collettiva?». «L’iconoclastia secolare del momento attuale non porterà riconciliazione, pace e guarigione. Tale violenza perpetuerà solo il pregiudizio e l’odio che apparentemente cerca di porre fine … Solo l’amore di Cristo può guarire un cuore ferito, non un pezzo di metallo vandalizzato “»ha aggiunto il vescovo. (Fonte)

 


Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: