lunedì 16 settembre 2019
  • 0
NEWS 31 marzo 2014    
San Michele cavaliere. Nel Medioevo il suo culto giunse fino in Africa e fu una difesa per le donne
L’arcangelo Michele ricorre cinque volte nella Sacra Scrittura: nel libro dell'’Apocalisse, è il principe degli angeli fedeli a Dio, combatte e scaccia il drago e gli angeli ribelli. Nella tradizione cristiana è  rappresentato come un guerriero chiamato in difesa contro i nemici della Chiesa.
Il suo culto ebbe una diffusione incredibile nel MedioEvo, in particolare a partire dal santuario di Monte Sant’Angelo nel Gargano, sorto nel V secolo, luogo di irradiazione della devozione micaelica in tutta Europa.
Ma a testimoniare quanto il popolo cristiano di ogni latitudine facesse riferimento a questo sommo protettore è giunta una scoperta di un gruppo di ricercatori del British Museum. Analizzando la mummia di una giovane donna rinvenuta in Sud Sudan e risalente all’ottavo secolo, hanno infatti rinvenuto su una sua coscia un tatuaggio con il monogramma greco di San Michele. L’antropologo Daniel Antoine ha ricordato come San Michele fosse il protettore del Sudan medievale ed è probabile che l’uso per le donne di tatuarsi il simbolo dell’arcangelo fosse un modo per invocarne la protezione nel parto e contro le violenze.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: