venerdì 22 marzo 2019
  • 0
NEWS 8 luglio 2015    
Somalia, la lucida follia del partito islamista al-Shabaab compie un’altra strage di cristiani

​Almeno 14 persone sono morte e altre 11 sono rimaste ferite questa mattina all'alba in un attacco in un villaggio del nord del Kenya, vicino al confine con la Somalia.


"L'attacco ha avuto luogo nei pressi di un grande mercato di bestiame appena fuori dalla città", ha confermato un funzionario della polizia nella città di Mandera. Uomini armati avrebbero lanciato un assalto a un edificio, uccidendo 13 uomini e una donna, per lo più operai edili.

Un portavoce del gruppo islamista somalo al-Shabaab, Sheikh Abdiasis Abu Musab, parlando con l'agenzia Reuters, ha rivendicato l'attacco: "Abbiamo ucciso oltre 10 kenyoti cristiani", ha detto. Gi Shebab somali hanno lanciato una serie di sanguinose operazioni nella regione nelle ultime settimane.
Un aereo della Croce Rossa del Kenya ha fatto la spola tra il luogo
dell'attentato e Nairobi per trasferire in ospedale alcuni dei feriti in condizioni critiche.
“L’obiettivo degli Shabaab è di ‘liberare’ il nord-est della Somalia, abitato da keniani di origine somala, dai non musulmani e dai non somali”, ha commentato all’agenzia Fides monsignor Joseph Alessandro, vescovo coadiutore di Garissa, nel nord-est del Kenya, al confine con la Somalia, nella cui diocesi rientra Mandera.

“Come negli attacchi avvenuti in precedenza, sono stati presi di mira dei lavoratori provenienti da altre aree del Kenya, quindi non somali e non musulmani. Purtroppo sembra che questa strategia stia avendo successo”, continua il vescovo. “Già diversi lavoratori non locali sono fuggiti da Mandera nei mesi scorsi. A risentirne maggiormente sono i settori della sanità e dell’istruzione. In tutto il nord-est l’educazione è in gravi difficoltà per la mancanza di insegnanti, provenienti da altre aree del Paese, che si rifiutano di tornare a lavorare lì”.

“Dobbiamo dire comunque che nel mirino degli Shabaab vi sono anche diversi leader musulmani che non la pensano come loro e che appoggiano l’azione del governo”, ha aggiunto monsignor Alessandro. “Se questo progetto di ‘pulizia etnica e religiosa’ dovesse essere portato a termine, gli Shabaab potranno dichiarare questi territori come ‘territori islamici’ e forse aderire al Califfato. Il governo di Nairobi sta cercando di fare il possibile perché i keniani originari di altre zone rimangano nel nord-est, perché tutta la zona rischia di essere destabilizzata”, ha concluso il vescovo.

Nell’area gli Shabaab hanno commesso diversi assalti, a novembre e dicembre, il più sanguinoso è quello commesso ad aprile nel campus universitario di Garissa, dove 148 studenti sono stati uccisi.

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: