venerdì 18 giugno 2021
  • 0
NEWS 8 giugno 2021    di Redazione

Arcivescovo Cordileone: serve “grande sforzo” per “ri-catechizzare” i cattolici sull’Eucaristia

In un’intervista andata in onda giovedì su EWTN Pro-Life Weekly, l’Arcivescovo di San Francisco, Salvatore Cordileone, ha spiegato che la questione della “coerenza eucaristica” si applica a tutti i cattolici, non solo ai funzionari pubblici cattolici. I vescovi dovrebbero discutere l’argomento nel loro prossimo incontro, dal 16 al 18 giugno, e votare se iniziare o meno a redigere un documento sull’Eucaristia. Per quanto riguarda la dignità necessaria ai cattolici per ricevere la Comunione – compresi i politici che sostengono pubblicamente la legislazione permissiva su mali gravi come l’aborto – «ne discutiamo da molto tempo, almeno 20 anni», ha detto l’arcivescovo Cordileone.

«Ricordo questo problema presentarsi già quando ero un nuovo vescovo, con la consapevolezza che il problema è che il nostro popolo non capisce cosa significhi realmente l’atto di Comunione, la dignità di ricevere la Santa Comunione», ha detto. «Quindi, certamente, la coerenza eucaristica vale per ogni singolo cattolico», ha detto Cordileone. «I cattolici che hanno un ruolo di primo piano nella vita pubblica hanno una responsabilità in più, in termini di testimonianza pubblica che danno», ha aggiunto, «ma vale per tutti i cattolici. Quindi, abbiamo bisogno di uno sforzo molto grande per ri-catechizzare la nostra gente su questo argomento».

Il termine “coerenza eucaristica”, usato per la prima volta nel documento Aparecida, del 2007 dei vescovi latinoamericani e caraibici, si riferisce alla «coerenza tra il modo in cui riceviamo la Santa Eucaristia e il modo in cui viviamo la nostra vita, alla necessità di essere adeguatamente disposti a ricevere l’Eucaristia», ha spiegato Cordileone. Quel documento, di cui l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio contribuì allo sviluppo, sottolineò anche il ruolo dei funzionari pubblici nella difesa della santità della vita su temi come l’aborto e l’eutanasia. Quando i funzionari cattolici sostengono questi e «altri gravi crimini contro la vita e la famiglia», non devono presentarsi per la Comunione, hanno detto i vescovi nell’Aparecida. Un gruppo di lavoro speciale è stato convocato dalla Conferenza episcopale degli Stati Uniti dopo l’elezione di Joe Biden alla presidenza in novembre. Una delle raccomandazioni del gruppo di lavoro era un documento didattico sull’Eucaristia, che avrebbe trattato sia l’insegnamento della Chiesa sulla dignità generale di ricevere la Comunione, sia chiarito che i cattolici nella vita pubblica hanno una responsabilità speciale nel sostenere gli insegnamenti della Chiesa in pubblico.

Il tema della Comunione, specialmente per i politici pro-aborto, è stato discusso dai singoli vescovi negli ultimi mesi dall’elezione di Joe Biden alla presidenza. Sia Biden che la presidente della Camera Nancy Pelosi si dichiarano cattolici, ma hanno promosso politiche contrarie all’insegnamento della Chiesa sulla vita, il matrimonio e la sessualità, incluso il sostegno all’aborto finanziato dai contribuenti. Nel 2004, il cardinale Joseph Ratzinger ha scritto all’allora cardinale Theodore McCarrick, dicendo che un politico cattolico «costantemente in campagna elettorale a favore di leggi permissive sull’aborto e sull’eutanasia» è necessario «istruirlo sull’insegnamento della Chiesa, informandolo che non si dovrà presentare per la Santa Comunione fino a quando non porrà fine alla situazione oggettiva del peccato, e avvertendolo che altrimenti gli sarà negata l’Eucaristia», ha scritto il Cardinale Ratzinger. Ha aggiunto che se il funzionario dovesse persistere in tali azioni e avvicinarsi a ricevere la Comunione, «il ministro della Santa Comunione deve rifiutarsi di distribuirla». Quella nota del 2004 è un’applicazione del canone 915 del Codice di Diritto Canonico, secondo il quale i cattolici «ostinatamente perseveranti nel peccato grave manifesto non devono essere ammessi alla santa comunione».

Il dialogo che il Vaticano ha recentemente richiesto ai vescovi statunitensi sulla questione della coerenza eucaristica è già in corso, ha detto l’Arcivescovo Cordileone a EWTN Pro-Life Weekly. «Il cardinale Ladaria ha dato alcuni consigli molto ragionevoli ai vescovi sul fatto che abbiamo bisogno di avere conversazioni serene su questo argomento», ha detto, aggiungendo, «lo facciamo da 20 anni». Un documento didattico della conferenza sull’Eucaristia «non è sufficiente» da solo per garantire che i cattolici siano ben catechizzati, ha detto. «Ma proprio a causa della confusione, un documento aiuterà a spiegare gli insegnamenti e le posizioni della Chiesa su questi temi, e sarà inclusivo», ha detto. «Non si concentra solo sull’aborto, non si concentrerà solo sui politici».


Potrebbe interessarti anche