domenica 15 dicembre 2019
  • 0
il Timone N. 190 di Dicembre 2019
Il sacro panettone

«Il panettone sa di cielo e di bosco» ed è una «dolce illusione di antica felicità». Così Giovannino Guareschi, in uno dei suoi scritti meno noti, ma forse il più poetico, La favola di Natale, descrive il dolce tipico della tradizione ambrosiana. Pagine commosse, scaturite dalla sua vivida fantasia durante l’internamento nel lager di Sandbostel, in Bassa Sassonia, pagine che lesse ai suoi compagni di prigionia in una gelida baracca, il 24 dicembre 1944. La favola sarà pubblicata un anno dopo, nel 1945, al ritorno di Guareschi in Italia, e ripubblicata nel 2000 con una nota dei figli Carlotta e Albertino.

Aldilà della bella definizione del creatore di Don Camillo, il dolce natalizio per antonomasia, diffuso ovunque e fatto di un impasto di farina di frumento, lievito, burro e zucchero con aggiunta di sale, tuorli d’uovo, uva sultanina e canditi in pezzetti, vanta un’origine di matrice chiaramente religiosa e strettamente legata alla festa della Nascita del Salvatore. Oggi abbiamo tutti in mente il dolce dalla forma cilindrica, rigonfio nella parte superiore, ma queste caratteristiche inconfondibili sono recenti, a partire dalla Repubblica Cisalpina (1797-1802), quando…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Dicembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: