venerdì 16 novembre 2018
  • 0
il Timone N. 175 di Luglio 2018
Non muoio neanche se mi ammazzano

Sono passati cinquant’anni da quel 22 luglio 1968 in cui Giovannino Guareschi moriva a Cervia, con il suo grande cuore che si fermava in riva al mare di Romagna. Forse stanco per aver battuto alla grande attraversando, in compagnia di due inconfondibili baffi neri, le vicende personali del suo padrone e quelle storiche che lo stesso padrone aveva contribuito a suo modo a scrivere e a raccontare.

Ci manca Giovannino a noi del Timone. Anche se lo abbiamo sempre qui davanti, grazie ai suoi scritti e ai suoi disegni che ogni tanto leggiamo e rimiriamo per tenere alto il morale e non perdere il sorriso. Lo ricordiamo con questo dossier per osservarlo un po’ da tutti i lati, quello del padre innanzitutto, poi come giornalista, scrittore e soprattutto come cristiano cattolico di gran fattura. Un uomo libero perché cristiano e cristiano perché davvero libero.

Ne parlano con il Timone Alberto Guareschi, Paolo Gulisano, Egidio Bandini, Guido Conti e Massimo Vacchetti

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Luglio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica per dare voce alle ragioni della fede, per promuovere la cultura cattolica, per difendere la Chiesa e il Papa.

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: