giovedì 18 luglio 2019
  • 0
NEWS 23 giugno 2014    
Il fedelissimo e indomito Takayama Ukon, samurai cristiano del secolo XVI, diventerà  santo?

Takayama Ukon, un samurai del XVI secolo che affrontò l'esilio piuttosto che rinunciare alla propria fede cattolica, potrebbe diventare santo per la sua fedeltà a Cristo e alla sua Chiesa.
La conferenza episcopale giapponese ha sottoposto una richiesta di 400 pagine per la beatificazione di Takayama alla Congregazione delle Cause dei Santi lo scorso anno.

La vita di Takayama è un esempio di “grande fedeltà alla vocazione cristiana, perseverando malgrado tutte le difficoltà”, ha detto padre Anton Witwer, postulatore generale della Compagnia di Gesù, alla CNA il 30 gennaio.
Takayama nacque nel 1552, tre anni dopo che il missionario gesuita Francesco Saverio aveva introdotto il cristianesimo in Giappone. Quando aveva 12 anni divenne cattolico, e venne battezzato come Justo dal sacerdote gesuita Gaspare di Lella.
I Takayama erano daimyō, membri della classe dei signori feudali governanti che erano al secondo posto dopo lo shogun nel Giappone medievale e della prima età moderna. I daimyō possedevano vaste proprietà ed erano autorizzati a prendere le armi e a ingaggiare samurai.

Visto che godevano di grande rispetto, i Takayama poterono sostenere le attività missionarie in Giappone, fungendo da protettori dei cristiani giapponesi e dei missionari gesuiti. Secondo padre Witwer, influirono sulla conversione di decine di migliaia di giapponesi.
Nel 1587, quando Takayama aveva 35 anni, lo shogun Toyotomi Hideyoshi avviò una persecuzione contro i cristiani, espellendo i missionari e incoraggiando i cattolici giapponesi a rinunciare alla propria fede.

Se molti daimyō scelsero di abbandonare la fede cattolica, Takayama e suo padre scelsero invece di abbandonare le loro proprietà e i loro onori per mantenere la fede.
Padre Witwer ha riferito che Takayama “non voleva combattere contro altri cristiani, e questo lo portò a condurre una vita povera, perché quando un samurai non obbedisce al suo capo perde tutto ciò che ha”.
Takayama “scelse la povertà per essere fedele alla vita cristiana. Negli anni seguenti visse sotto la protezione di amici aristocratici e riuscì a condurre una vita più degna”.
“Molti cercarono di convincere Takayama ad abiurare”, ha spiegato padre Witwer, “perché era un nobile e una persona conosciuta, e perché non volevano uccidere un giapponese; per i persecutori era più facile uccidere gli stranieri, mentre avevano difficoltà ad assassinare i cristiani giapponesi”.

Nel 1597 Toyotomi ordinò l'esecuzione di 26 cattolici, sia stranieri che giapponesi. Vennero crocifissi il 5 febbraio.
Nonostante questo tragico fatto, Takayama rifiutò di abbandonare la Chiesa, scegliendo di vivere da cristiano fino alla morte. Quando lo shogun Tokugawa Ieyasu bandì definitivamente il cristianesimo nel 1614, Takayama andò in esilio.

Guidò un gruppo di 300 cattolici verso le Filippine, e si stabilirono a Manila. Arrivarono a dicembre e lui morì il 4 febbraio, indebolito dalla persecuzione in Giappone.
“Visto che Takayama è morto in esilio a causa della debolezza provocata dai maltrattamenti subiti in patria, la causa di beatificazione è quella di un martire”, ha affermato padre Witwer.

Se Takayama venisse accettato come martire, non avrebbe bisogno di un miracolo per essere beatificato.
Gli sforzi attuali per canonizzarlo sono il terzo tentativo del genere, dopo uno di poco successivo alla sua morte e un altro negli anni Sessanta.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: