venerdì 24 marzo 2023
  • 0
   
il Timone N. 25 di Maggio 2003

Charles Peguy, o la speranza della poesia

 

 

Il Novecento in Europa vide, al fianco del progresso materiale e dell’abbondanza di beni di consumo, l’avanzata di una nuova povertà: l’affievolirsi della fede cristiana, col conseguente venir meno del corteggio di virtù che per natura s’accompagnano alla vita di grazia.
È sembrato allora che la poesia, come arte e artigianato squisitamente umano, dovesse essere separata una volta per tutte dalle sue fonti originarie, dalla contemplazione della realtà delle cose, dalla narrazione di fatti umili o eroici, dal canto del destino dell’anima; è parso che dopo l’epoca delle Rivoluzioni non ci fosse più spazio per il senso religioso, per l’amore semplice, per lo splendore della verit...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Maggio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.