venerdì 17 settembre 2021
  • 0
   
il Timone N. 109 di Gennaio 2012

Dire le parolacce?

 

 

 


Il turpiloquio nasconde spesso una povertà lessicale o un’abdicazione allo spontaneismo. Se le parole sono fari della realtà, la ordinano e la orientano, allora chi parla male ragiona male. E tutti renderemo conto anche delle parole usate per offendere

Qualche giorno fa, lo ammetto, ho mormorato una parolaccia. Con una raffinata operazione di alta ingegneria ergonomica ero riuscita a far cadere, nell’ordine, il citofono sulla fronte, la tazza a terra, il caffè sulla gonna pulita – que...

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Gennaio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.