sabato 18 maggio 2024
  • 0
di Giovanni De Marchi
il Timone N. 6 di Marzo 2000

Eugenio Corti: tragedia del comunismo

I frutti della società senza Dio analizzati in un volume di Eugenio Corti. Il Comunismo al vertice del fallimentare processo di secolarizzazione: solo morte, odio e distruzione. Urge il ritorno alla “città di Dio”.

Quando, in un futuro che – ci illudiamo – prima o poi prenderà forma, sarà fatta giustizia al Novecento letterario italiano, tra i vari autori snobbati dalla critica ufficiale (accanto, per esempio, a un Guareschi), finalmente nelle antologie comparirà anche Eugenio Corti. E vi dovrà rientrare non solo come autore del celebre Cavallo Rosso, ma anche per quella splendida, acuta e pungente tragedia che è Processo e morte di Stalin

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Marzo.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.