domenica 3 marzo 2024
  • 0
di Stefano Biavaschi
il Timone N. 33 di Maggio 2004

Il Sesto Comandamento

 

 

 

Il sesto comandamento ci viene presentato in una duplice formula: “Non commettere adulterio” e “Non commettere atti impuri”. La prima è la versione biblica (Es 20,14; Dt 5,18) e la seconda è la versione catechistica. Perché questo cambiamento? Può la Chiesa modificare il testo di un comandamento divino? Potremmo rispondere: sì, se Gesù stesso nella sostanza lo ha modificato. Nel vangelo di Matteo si legge: “Avete udito che fu detto: non commettere adulterio. Ma io vi dico: chiunque guarda una donna per desiderarla, ha già commesso adulterio con lei nel suo cuore” (Mt 5,27-28).
In realtà Gesù non modifica per nulla...

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Maggio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.