martedì 16 aprile 2024
  • 0
   
il Timone N. 52 di Aprile 2006

L’esilio del gregoriano

 

 

 
 

È il canto proprio della liturgia romana, ma non gode di buona salute. Anche nei monasteri e nelle cattedrali è dimenticato. Un patrimonio di cinquemila canti messo al bando, soprattutto nei paesi latini. Per sostituirlo, a volte, con cantilene melense indegne della Messa.
Intervista a Monsignor Valentino Miserachs Grau.

 
 

Papa Gregorio Magno vedeva lontano. L’antifonario in cui catalogò nel 590 le antiche melodie liturgiche (da lui «gregoriane») volle che fosse legato con le...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Aprile.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.