mercoledì 29 maggio 2024
  • 0
   
il Timone N. 96 di Settembre 2010

L’Inferno

 

 

Dante è viator, rappresenta ogni uomo, pellegrino sulla terra, la quale è solo un passaggio prima della vita eterna ultraterrena.
In questa cantica il sommo poeta compie un viaggio di penetrazione nelle viscere della terra e dell’uomo. Parla della possibilità di innalzarsi, con la ragione, la volontà e l’aiuto divino, dalla miseria del peccato alla comunione con Dio


La scelta di questo dossier di far leggere la Divina Commedia al contrario (dalla terza alla prima cantica) è indubbiamente utile per comprendere che l’uomo, nato da un atto d’amore di Dio, è destinato...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Settembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.