mercoledì 28 ottobre 2020
  • 0
NEWS 4 novembre 2014    
Bergoglio telefona per la decima volta alla famiglia del benzinaio di Pesaro ucciso lo scorso anno
Ormai per la famiglia Ferri è divenuto quasi un'abitudine alzare il telefono e sentire dall'alta parte la voce di Papa Francesco. La signora Rosalba, madre di Andrea Ferri, l'imprenditore di Pesaro ucciso a colpi di pistola nella notte tra il 3 e il 4 giugno 2013, e il fratello Michele, costretto su una sedia a rotelle, hanno ricevuto oggi, per la decima volta, la chiamata del Pontefice. "Il 2 novembre, o il giorno di Pasqua il telefono squilla sempre", dice Michele. Oggi, pure, giorno della Commemorazione dei defunti, il telefono di casa Ferri è squillato intorno alle 9.40. Durante la conversazione, Bergoglio si è informato su questioni private familiari, ovvero la salute di un parente, e sui risvolti del processo relativo all'omicidio di Andrea, avviato il 30 ottobre, che vede sul banco degli imputati l'ex dipendente dell'imprenditore, il macedone Donald Sabanov, esecutore materiale, e il marocchino Karim Bary per concorso nell'omicidio.

A fine telefonata, il Papa ha chiesto ai suoi interlocutori: "Pregate per me, ho bisogno delle vostre preghiere". "Le telefonate di Papa Francesco ci danno tanta forza - ha detto Michele Ferri a Rai News - e ci rincuora sapere di essere oggetto delle sue preghiere. I toni che usa sono molti confidenziali ed è sempre un'emozione incredibile parlarci".

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: