martedì 16 aprile 2024
  • 0
Card. Parolin, guerra in Ucraina: «Mettere fine all’aggressione per negoziare»
NEWS 12 Marzo 2024    di Redazione

Card. Parolin, guerra in Ucraina: «Mettere fine all’aggressione per negoziare»

Dopo le parole di Francesco sulla necessità di negoziare nel conflitto ucraino, pronunciate in un’intervista concessa alla alla Radio Televisione Svizzera (RSI), il cardinale Pietro Parolin in un’altra intervista, concessa al Corriere della sera, precisa e puntualizza.

«Come ricordato dal direttore della sala stampa vaticana, citando le parole del Santo Padre del 25 febbraio scorso, l’appello del Pontefice è che “si creino le condizioni per una soluzione diplomatica alla ricerca di una pace giusta e duratura”», ha detto il cardinale Parolin al Corriere come riporta Vaticanews. «In tal senso è ovvio che la creazione di tali condizioni non spetta solo ad una delle parti, bensì ad entrambe, e la prima condizione mi pare sia proprio quella di mettere fine all’aggressione. Non bisogna mai dimenticare il contesto e, in questo caso, la domanda che è stata rivolta al Papa, il quale, in risposta, ha parlato del negoziato e, in particolare, del coraggio del negoziato, che non è mai una resa. La Santa Sede persegue questa linea e continua a chiedere il “cessate il fuoco” — e a cessare il fuoco dovrebbero essere innanzitutto gli aggressori — e quindi l’apertura di trattative. Il Santo Padre spiega che negoziare non è debolezza, ma è forza. Non è resa, ma è coraggio. E ci dice che dobbiamo avere una maggiore considerazione per la vita umana, per le centinaia di migliaia di vite umane che sono state sacrificate in questa guerra nel cuore dell’Europa. Sono parole che valgono per l’Ucraina come per la Terra Santa e per gli altri conflitti che insanguinano il mondo».

«La Santa Sede», ha detto ancora Parolin, «è preoccupata per il rischio di un allargamento della guerra. L’innalzamento del livello del conflitto, l’esplodere di nuovi scontri armati, la corsa al riarmo sono segnali drammatici e inquietanti in questo senso. L’allargamento della guerra significa nuove sofferenze, nuovi lutti, nuove vittime, nuove distruzioni, che si aggiungono a quelli che il popolo ucraino, soprattutto bambini, donne, anziani e civili, vive nella propria carne, pagando il prezzo troppo caro di questa guerra ingiusta».

Infine, il riferimento al rischio di una escalation nucleare, qualcosa che il Segretario di Stato aveva ben evidenziato proprio in un’intervista concessa al Timone nell’ottobre scorso. «Il rischio di una fatale “deriva” nucleare non è assente. Basta vedere la regolarità con la quale certi rappresentanti governativi ricorrono a tale minaccia. Non posso che sperare che si tratti di una propaganda strategica e non di un “avvertimento” di un fatto realmente possibile.

 


Potrebbe interessarti anche