domenica 19 maggio 2024
  • 0
Case «green»? No case vuote. Il futuro ce lo spiega il Giappone
NEWS 6 Maggio 2024    di Lorenzo Bertocchi

Case «green»? No case vuote. Il futuro ce lo spiega il Giappone

C’è una emergenza più forte delle altre e che avrà effetti su tutto, compreso il patrimonio immobiliare. Se l’Ue si preoccupa delle case «green», per cui entro il 2030 tutti gli edifici di nuova costruzione dovranno essere a emissioni zero, e il resto del patrimonio edilizio avrà 20 anni di tempo per raggiungere le emissioni zero entro il 2050, l’inverno demografico risolverà il problema alla radice. Perché molte case saranno semplicemente vuote e abbandonate, ce lo insegna il Giappone.

La demografia nipponica è in caduta libera da decenni e anche il 2023 ha fatto registrare l’ennesimo minimo storico, come peraltro ha registrato l’Istat per il nostro Paese con appena 379mila nati (il 2008 è l’ultimo anno in cui in Italia si registrava un incremento delle nascite). Calo dei salari, stagnazione economica, ma soprattutto secolarizzazione galoppante e trionfante che ha inciso in modo definitivo sulla propensione a generare prole. Il Giappone è vecchio come pochi e non basta nemmeno l’accelerata del premier Kishida a riattizzare i numeri demografici.

Una delle conseguenze dirette di questa situazione demografica è appunto il fenomeno in costante crescita delle case abbandonate e sfitte. «Secondo un’indagine governativa pubblicata il 30 aprile», riporta Asianews, «le abitazioni non occupate sono in tutto 9 milioni, il 13,8% del totale nel Paese, ovvero 1 su 7. Circa la metà delle case sfitte (akiya in giapponese) 4,76 milioni, è in affitto o in vendita, secondo i dati rilasciati dal Ministero degli Interni, mentre altre 380mila sono destinate ad un uso stagionale o occasionale. Ma il dato più significativo è il numero delle case abbandonante e senza destinazione d’uso, aumentato di 370mila unità rispetto alla precedente indagine governativa: attualmente sono 3,85 milioni, numero più alto mai registrato». Sono gli anziani che vengono mandati in case di cura e che muoiono a spingere il fenomeno, e le case ereditate vengono spesso abbandonate a causa dei costi proibitivi di manutenzione e/o abbattimento. Per tacere di tutte le questioni legali spesso dovute a famiglie «nucleari» con figli o con separazioni alle spalle.

Per l’Italia le previsioni demografiche sono inesorabili e le prospettive al 2050 parlano di 5 milioni di abitanti in meno, non è difficile pensare che anche per il patrimonio immobiliare la strada sarà quella indicata dal Giappone. Altroché case «green», il problema che abbiamo davanti sarà quello delle case vuote. (Foto Freepik)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche