venerdì 24 maggio 2024
  • 0
Ecco il volto di Gesù ricavato attraverso la Sindone dall’Intelligenza Artificiale
NEWS 2 Ottobre 2023    di Redazione

Ecco il volto di Gesù ricavato attraverso la Sindone dall’Intelligenza Artificiale

Quando la nuova Intelligenza artificiale incontra la Sindone di Torino il risultato è strabiliante. Esistono numerose segnalazioni della Sindone di sepoltura di Gesù venerata in varie località d’Europa prima del XIV secolo, tuttavia non ci sono prove storiche affidabili per dimostrare che queste coincidano con la Sindone di Torino. Una stoffa funeraria, che alcuni storici sostengono fosse la Sindone, era di proprietà degli imperatori bizantini ma scomparve durante il Sacco di Costantinopoli nel 1204. Gli storici hanno citato che l’Ordine dei Cavalieri Templari possedeva una reliquia che mostrava l’immagine di un uomo barbuto su lino o cotone.

Come cattolici si ritiene che la Sindone di Torino, un panno di lino che porta impressa l’immagine di un uomo sul davanti e sul retro, sia stato il sudario funerario utilizzato per avvolgere il corpo di Gesù dopo la sua crocifissione. L’immagine generata dall’IA sul sito web AI Midjourney raffigura un uomo con i capelli lunghi e la barba con gli occhi aperti che fissa direttamente il volto di chi lo guarda. Anche la parte superiore del suo corpo è visibile e indossa quella che sembra essere una semplice tunica.

Anche se è la prima volta che la Sindone ispira la nuova tecnologia AI, non è la prima volta che l’immagine della Sindone è stata reinterpretata. Nel 2018 un professore italiano ha creato un’immagine 3D di Gesù basata sul manufatto, sostenendo che fosse «l’immagine precisa di come appariva Gesù su questa Terra». Nel 2015 gli investigatori forensi italiani hanno poi utilizzato la Sindone di Torino per produrre un’immagine di come sarebbe potuto essere Gesù da bambino attraverso un’immagine photo-fit dall’immagine facciale negativa impressa sul noto sudario con tecniche di invecchiamento invertito. (Fonte foto: Facebook, Midjourney)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche