martedì 5 marzo 2024
  • 0
Il Salvatore nasce e ci annuncia un’era nuova
NEWS 25 Dicembre 2023    di don Giorgio Bigazzi

Il Salvatore nasce e ci annuncia un’era nuova

Santo Natale del Signore

Dopo un’attesa di migliaia di anni, rappresentata dalle domeniche di Avvento celebrate da poco, nel cuore della notte, quando il mondo era immerso nelle tenebre del peccato e della morte, è nato il Salvatore degli uomini, Cristo Signore, che nascendo dalla Beata Vergine Maria, ci annunzia un’era nuova nella quale, rigenerati spiritualmente, possiamo aspirare alla beata immortalità.

Egli Re dei re, si presenta a noi in una misera stalla per mostrarci, con questo atto di immenso amore, che la sua venuta nel mondo non è per cercare ricchezze, onori o piacere, ma unicamente per regnare nei nostri cuori.

Questo amore dovrebbe generare in noi un meraviglioso stupore, lasciarci a “bocca aperta” per gridare e cantare – come hanno fatto gli angeli in questa Notte Santa – la nostra gioia, la nostra speranza, la nostra salvezza, e dunque il nostro essere e sentirci amati da Dio fatto uomo!

La sacra Liturgia della Chiesa ci introduce in modo mirabile nel mistero dell’Incarnazione. Papa Benedetto XVI, parlando del Santo Natale, sottolinea come l’avverbio di tempo “oggi” ricorre più volte nelle celebrazioni natalizie proprio perché 《nella liturgia tale avvenimento oltrepassa i limiti dello spazio e del tempo e diventa attuale, presente; il suo effetto perdura, pur nello scorrere dei giorni, degli anni e dei secoli. Dio, in quel bambino nato a Betlemme, si è avvicinato all’uomo: noi lo possiamo incontrare adesso, in un “oggi ” che non ha tramonto》.

Per aprire, però, realmente il nostro cuore a questo avvenimento bisogna tornare a saper fare silenzio. Solo in questo modo possiamo ascoltare realmente ciò che viene da Dio.

Talvolta è infatti necessario liberarci dalla schiavitù di ciò che di terreno ci circonda e che spesso rischia di farci perdere di vista quello che conta veramente: la vita eterna!

Sia dunque per noi il Santo Natale, momento propizio per trovare o riscoprire l’Amore di Dio, per tornare ad aprire il nostro cuore a Cristo.

Facciamo come i pastori della Notte Santa, che avvertiti dagli angeli, affrettarono il passo e con grande Fede adorarono il loro e nostro Redentore!

Caro Gesù Bambino, parla al nostro cuore e concedici una sempre più grande santità.

Rendi il nostro cuore simile al tuo!


Potrebbe interessarti anche