mercoledì 25 novembre 2020
  • 0
NEWS 12 febbraio 2015    
Obama: «Prima di giudicare l’islam pensiamo a crociate e Inquisizione». Ecco i nostri consigli per buoni acquisti

di Marco Respinti

 

Barack Obama, il presidente del Paese più potente del mondo, non è esattamente un campione di conoscenze storiche e anche sul piano della morale pubblica non si lascia sfuggire nemmeno un happy hour per schierarsi costantemente dalla parte sbagliata (su omosessualismo, aborto, divorzio, famiglia, etc.). Ma che adesso pretende di dirottare uno degli appuntamenti più belli e intelligenti della vita politica degli Stati Uniti, il National Prayer Breakfast cioè il convegno ecumenico di preghiera che si tiene ogni anno da anni nella capitale federale Washington alla presenza del titolare della Casa Bianca, per trasformarlo in un budoir dei propri vizi culturali e ammannire così impunemente agli attoniti astanti un bigino di storia riveduto e politicamente corretto è davvero il colmo. Obama ha infatti detto che «prima di ritenerci superiori e pensare che solo altri commettono crimini, ricordiamoci che durante le crociate e l'Inquisizione i cristiani hanno commesso crimini terribili nel nome di Cristo mentre negli Stati Uniti la schiavitù e il linciaggio dei neri molto spesso sono stati giustificati nel nome di Cristo». Tra chi polemizza ora con Obama vi è la commentatrice televisiva Star Parker, che è nera come il carbone anche lei come il presidente e che durante un programma tv, ha definito le parole di Obama «uno stupro verbale». Obama, ha aggiunto la Parker, oltre a insultare tutti i presenti, ha in quel modo mandato un messaggio di approvazione agli estremisti islamici, dicendo loro che il passato non va dimenticato e che perciò sono autorizzati a fare quello che stanno facendo.

Ora, a beneficio del presidente Obama, che andrebbe rimandato agli esami di riparazione in storia, ricordiamo che sulla Crociata si può utilmente leggere almeno

  • Bernard Hamiltom, Le crociate, trad. it., San Paolo, Cinisello Balsamo (Milano) 2003
  • Jean Flori, Le crociate, trad. it., Il Mulino, Bologna 2003
  • Jean Flori, La guerra santa. La formazione dell’idea di crociata nell’Occidente cristiano, trad. it., Il Mulino, Bologna 2003
  • Thomas F. Madden, Le crociate. Una storia nuova, trad. it., Lindau, Torino 2005
  • Robert Spencer, Guida (politicamente scorretta) all’islām e alle crociate, trad. it., Lindau, Torino 2008
  • Rodney Stark, Gli eserciti di Dio. Le vere ragioni delle crociate, trad. it., Lindau, Torino 2010.
Mentre sull’Inquisizione ci si può confrontare altrettanto utilmente almeno con
  • Gustav Henningsen, L'avvocato delle streghe. Stregoneria basca e Inquisizione spagnola, trad. it., Garzanti, Milano 1990.
  • Jean-Baptiste Guiraud (1866-1953), Elogio della Inquisizione, trad. it., Leonardo, Milano 1994, a cura di Rino Cammilleri, con un invito alla lettura di Vittorio Messori e Integrazioni bibliografiche di Marco Invernizzi e Oscar Sanguinetti
  • Bartolomé Bennassar, Storia dell'Inquisizione spagnola. Fatti e misfatti della "Suprema" dal XV al XIX secolo, trad. it. Rizzoli, Milano 2000
  • Franco Cardini e Marina Montesano, La lunga storia dell'inquisizione. Luci e ombre della «leggenda nera», Città Nuova, Roma 2005
  • Rino Cammilleri, La vera storia dell’Inquisizione. Luci e ombre della “leggenda nera”, Prefazione di Franco Cardini, Piemme, Milano 2006

Il presidente Obama potrà trarre enorme giovamento soprattutto dalla prima lista (quella sulla Crociata) perché i libri citati sono tutti disponibili nella sua lingua (alcuni sono anzi tradotti proprio dall’inglese). E se relativamente al secondo elenco qui fornito (quello sull’Inquisizione) abbondano i testi non disponibili in inglese, Obama ha però il vantaggio enorme di poter contare sul libro migliore di tutti, opera proprio di uno storico anglofono, lo storico inglese di formazione marxista Henry Kamen che nel 1965 pubblicò un libro di forte critica, The Spanish Inquisition, ma che poi per una vita non ha fatto altro che pentirsene e riscriverlo, giungendo a pubblicare, pochi mesi fa, la quarta edizione riveduta, e interamente rifatta, e diversissima nel giudizio di valore, The Spanish Inquisition: A Historical Revision (Yale University Press, New Haven [Connecticut] 2014) (in italiano cìè comunque solo e sempre solo la prima, obsoleta edizione).

Infine c'è da sottolineare che il cap. 3, «Ignoranza» occidentale contro «cultura» orientale (pp. 81-111) del succitato libro di Stark, a cui si possono aggiungere almeno il cap. 14, Smascherare le falsità islamiche (pp. 433-464), del nuovo libro sempre di Stark, La vittoria dell’occidente. La negletta storia del trionfo della modernità (trad. it., Lindau, Torino 2014) e il volume Aristotele contro Averroè. Come cristianesimo e Islam salvarono il pensiero greco (trad. it., Rizzoli, Milano 2009) dello storico francese Sylvain Gouguenheim, sono poi di grandi andito contro le mille fole della presunta “superiorità” della civiltà arabo-islamica.

Potremmo fare così: prima, per nostra edificazione storico-culturale, torniamoci a rivolgerci ai "Quaderni" che Il Timone ha pubblicato su questi argomenti, poi prendiamo carta e penna per scrivere una bella letterina all’Ambasciata degli Stati Uniti in Italia ripiena di consigli bibliografici per Obama…

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: