lunedì 21 settembre 2020
  • 0
NEWS 1 aprile 2015    
Per il card. Koch chi vuole adeguare la Chiesa alle «realtà  della vita» fa come i vecchi cristiani filonazisti

di Marco Tosatti

 

Il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per l’unità dei cristiani e della Commissione per i rapporti con l’ebraismo ha severamente criticato la posizione espressa dal cardinale tedesco Reinhard Marx e da altri esponenti tedeschi tesa a far sì che la Chiesa si adegui alle “realtà della vita” in particolare liberalizzando il suo atteggiamento sull‘eucarestia ai divorziati risposati.  

Koch ha dichiarato in un’intervista al Die Tagespost che le parole del vescovo Bode dovrebbero riportare alla memoria situazioni storiche simili, e in particolare il Terzo reich, quando “cristiani tedeschi” adeguarono la loro fede alla visione del mondo del nazionalsocialismo.  

“Pensiamo ai Cristiani Tedeschi al tempo del Nazionalsocialismo, quando vicino alla Sacra Scritture elevarono la Nazione e la razza come fonti di rivelazione…Dobbiamo differenziarci molto attentamente qui e ascoltare con sensibilità i segni dei tempi, e lo spirito che si rivela in questi segni: quali sono i segni del Vangelo, e quali no”.

Koch ha aggiunto: “Vedere come e in che modo la gente vive oggi la fede è naturalmente utile e importante, per riconoscere le sfide dei doveri pastorali della Chiesa. Comunque questo (le “realtà della vita”) non possono essere una terza realtà della rivelazione vicino alla Sacra Scrittura e al Magistero”.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: