giovedì 13 giugno 2024
  • 0
Vent’anni fa Gianna Beretta Molla fu proclamata santa
NEWS 17 Maggio 2024    di Giuliano Guzzo

Vent’anni fa Gianna Beretta Molla fu proclamata santa

20 anni. Tanti, più un giorno, son trascorsi da quel 16 maggio 2004 allorquando venne proclamata santa Gianna Beretta Molla. La ricorrenza di quella canonizzazione (che riguardò anche altre cinque personalità: Luigi Orione, Annibale Maria di Francia, Josep Manyanet y Vives e Nimatullah Kassab Al-Hardini) è importante per svariate ragioni. In primo luogo, ovviamente, perché elevò agli altari una figura – quella della pediatra lombarda che, incinta con un tumore all’utero, preferì morire a soli 39 anni anziché accettare cure che avrebbero arrecato danno alla figlia di cui era in attesa – oggettivamente gigantesca e della quale pure il fratello frate missionario, padre Alberto Beretta, al secolo Enrico, è stato recentemente dichiarato venerabile.

Di santa Gianna Beretta Molla, in effetti, non si smette mai di scoprire qualcosa di interessante. Basti pensare alle lettere – recentemente pubblicate – che si scambiava con il suo fidanzato, e dalle quali traspare con chiarezza una fede ardente. «Ho tanta fiducia nel Signore», scriveva infatti nel 1955 l’allora giovane al fidanzato Pietro, poco dopo aver ricevuto il suo anello di fidanzamento, «e son certa che mi aiuterà ad essere la tua degna sposa […] Pietro, potessi essere per te la donna forte del Vangelo! Invece mi pare e mi sento debole. Vuol dire che mi appoggerò al tuo braccio forte. Mi sento così sicura vicino a te!». Sono parole, tra le tante che si potrebbero ricordare, che evidenziano con chiarezza quanto amore per Dio animasse Gianna.

Il ventennale della sua canonizzazione, però, appare significativo anche per altri due aspetti. Il primo è che Gianna Beretta Molla fu l’ultima santa ad essere canonizzata da papa Giovanni Paolo II. Il che a ben vedere tutto fu, evidentemente, fuorché un caso, tanto se si pensa a quanto il pontefice polacco avesse a cuore quella causa della difesa della vita nascente della quale la dottoressa è stata un mirabile esempio; basti pensare all’Evangelium Vitae, una enciclica a dir poco grandiosa e che, a distanza di ormai tanti anni – risale al 1995 – resta ancora oggi un autentico faro per leggere e comprendere, alla luce dell’autentico pensiero della Chiesa, le più delicate questioni bioetiche.

Infine, un altro motivo per cui il ventennale della canonizzazione di Gianna Beretta Molla appare significativo è che è caduto, ieri, nelle stesse ore in cui è stata ufficializzata un’altra notizia: quella dell’imminente sessione chiusura – che si terrà tra poco più di un mense, venerdì 21 giugno ore 12, nella basilica di San Giovanni in Laterano – dell’inchiesta diocesana sulla vita, le virtù, la fama di santità e dei segni della Serva di Dio Chiara Corbella Petrillo. Un’altra donna che, col suo luminoso esempio, è entrata nel cuore di tantissimi fedeli – e la cui vicenda ricorda da vicino, appunto, quella della dottoressa che il 28 aprile 1962 nacque al Cielo. Dove è bello immaginarla ora accanto a Chiara, ambedue avvolte da quell’amore di Dio del quale, quaggiù, hanno saputo rendere vera testimonianza (Fonte foto: Ansa)

ABBONATI ALLA RIVISTA!


Potrebbe interessarti anche