martedì 27 ottobre 2020
  • 0
NEWS 19 novembre 2014    
«Vietare l’aborto e punire chiunque vi cooperi». A Mosca la lobby pro vita fa sul serio

Inserire nella Costituzione la tutela del diritto alla vita fin dal concepimento. Indire un referendum nazionale per approvare la modifica della Carta fondativa dello Stato. Vietare l’aborto, con pene per chiunque sia coinvolto nella soppressione della vita non nata, dai medici alla gestante, e mettere fuori leggere i metodi contraccettivi-abortivi come la pillola del giorno dopo.  

E’ quanto chiede ufficialmente un gruppo di 400 personalità - tra parlamentari della Duma, governatori di Regione, medici, intellettuali – che si è riunito nei giorni scorsi alla Cattedrale di Cristo Salvatore di Mosca, sotto l’egida appunto del patriarcato di Mosca.  Una cosiddetta “lobby pro-life” di alto profilo, che si muove in sintonia con la gerarchia ortodossa, e che punta a fare della Russia una forza controcorrente, tra Oriente e Occidente, nell’affermazione e difesa della santità della vita.

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Per navigare controcorrente.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: