giovedì 18 luglio 2019
  • 0
il Timone N. 186 di Luglio 2019
Disney non è un mondo per bambini

Le opere curate da Walt Disney, confrontate con quanto si produce oggi anche da parte della stessa Disney attuale, risultano accettabili, persino ingenue: si tratta, in gran parte, di spettacoli per famiglie dove le famiglie sono protagoniste. Se è vero che ha edulcorato le fiabe del folklore europeo o ne ha ridisegnato molte caratteristiche, ciò che resta è accettabile e mantiene un valore educativo.

I veri problemi nascono dopo la morte di Walt (1966) e quella del fratello Roy Oliver (1971) che ne aveva preso l’eredità. Dagli anni Settanta, la Disney si trasforma e diviene sempre più grande; poi arriva sull’orlo della bancarotta. La vera mutazione avviene dopo una serie di insuccessi e tentativi di acquisizione durante la direzione di Roy Edward Disney, nipote del fondatore. A quel tempo entrano nella società magnati e finanzieri di Hollywood come Will Eisner e Jeffrey Katzenberg. Sotto l’influsso di questi, tra il 1989 e il 1999 ebbe luogo quella che viene chiamata la Disney Renaissance, un mutamento di visione, una trasformazione del modo di intendere gli spettacoli e la diffusione di ideologie anticristiane fra i creativi Disney…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Luglio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche

 

Acquista il timone

 

Acquista la versione cartacea

Riceverai direttamente a casa tua il mensile di formazione e informazione apologetica, fede e ragione per non perdere la rotta

Acquista la versione digitale.

Se desideri leggere Il Timone direttamente dal tuo PC, da tablet o da smartphone. Articoli brevi e di facile lettura, per conoscere la verità dei fatti e capire la realtà.

 

Resta sempre aggiornato, scarica la nostra App: