venerdì 18 giugno 2021
  • 0
di AA. VV.
il Timone N. 207 di Giugno 2021

Auto elettriche ancora troppo fumo

[Gli autori degli articoli sono un ricercatore presso uno dei più importanti atenei tecnici italiani e uno stakeholder del settore energetico legato all’automobile con quindici anni di esperienza a livello internazionale]

Il tema della mobilità elettrica costituisce la punta dell’iceberg di un sistema complesso, che cela interessi economici ramificati, insieme a dinamiche politiche che non si svelano nella loro interezza. Molti interrogativi si pongono quindi alla nostra attenzione. Come quelli posti anche dagli amministratori delegati di Toyota e Bosch.

Ragionando “a monte” (sulla catena di approvvigionamento), la prima domanda che emerge riguarda la fornitura di energia: l’industrializzazione dei veicoli elettrici è un processo fortemente energivoro, che non può essere alimentato dalle attuali potenze installate. Per migliorare gli aspetti di sostenibilità, la narrativa dominante promuove la migrazione a fonti alternative (quali l’eolico e il solare), che tuttavia presentano insormontabili problemi di variabilità e rendimento (si pensi a quanto accaduto in Texas, dove gli estesi ammanchi di energia nelle scorse settimane sono stati appunto attribuiti a una squilibrata adozione di queste fonti).

Diventa allora necessario potenziare la produzione di energia secondo le tradizionali modalità (essenzialmente termoelettrica e carbone, con idroelettrico e nucleare a complemento), situazione che richiederebbe investimenti nell’ordine di centinaia di miliardi in… [per leggere l’approfondimento acquista Il Timone di giugno o abbonati]

 

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Giugno.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche