mercoledì 22 maggio 2024
  • 0
di Stefano Biavaschi
il Timone N. 87 di Novembre 2009

Coscienza e morale cristiana

 

 

 

Il termine “coscienza”, nella lingua italiana, ha essenzialmente due significati: la “consapevolezza di sé”, cioè l’io, oppure quella facoltà interna che ci fornisce il senso del bene e del male concernente le nostre azioni. Appare ovvio che è di quest’ultima che si occupa la teologia morale, anche se essa sussiste a causa della prima: l’essere umano è munito di coscienza morale proprio perché ha un io.
Oltre alle leggi esterne (civili o religiose) esiste innata in ciascuno una norma interna in grado di valutare, anche se non perfettamente, il peso morale delle nostre azioni. La coscienza non è, come molti rit...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Novembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.