lunedì 15 agosto 2022
  • 0
di AA. VV.
il Timone N. 219 di Luglio 2022

«È l’ora della pro life generation»

La sentenza della Corte Suprema degli Stati Uniti n. 597 del 24 giugno 2022 – con cui si è deciso che l’aborto non è un diritto costituzionale – è destinata senza dubbio a passare alla storia, non foss’altro perché il precedente pronunciamento sul tema, la famigerata sentenza Roe vs Wade, reggeva ormai da quasi mezzo secolo.

Tuttavia, non va dimenticato un fattore: prima di tale verdetto, negli Usa il vento era già cambiato. Lo provano le centinaia di provvedimenti a difesa del nascituro già varati in decine di Stati, i tanti giovani che oggi sono nelle prime file delle manifestazioni per la vita, cosa che oggi, attenzione, si osserva perfino là dove tutto sembra fermo: in Europa.

Nel primo piano di luglio e agosto, il servizio di Giuliano Guzzo traccia un accurato affresco della vitalità pro life a livello internazionale, Andrea Lavelli intervista in esclusiva una delle politiche per la vita più promettenti d’America – Julie Slama, la più giovane senatrice del Nebraska -, Raffaella Frullone dialoga con Obianuju Ekeocha, attivista pro life di origine africana, che al Timone promette: «L’aborto sarà abolito come la schiavitù».

Per leggere il Primo Piano di Luglio/Agosto acquista Il Timone o abbonati

 

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Luglio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.