mercoledì 22 maggio 2024
  • 0
di Giovanni Cavalcoli O.P.
il Timone N. 92 di Aprile 2010

La conoscenza implicita di Dio

 

 

 


È necessario “conoscere” Dio per salvarsi l’anima. E allora un ateo che nega il suo Creatore?
La dottrina di san Tommaso, arricchita dal Concilio Vaticano II. Ma tutto si fonda sulla Bibbia

 

Come è noto, il Concilio Vaticano II parla di una possibilità di salvezza anche per coloro che non giungono ad una conoscenza “esplicita” di Dio: il che fa ovviamente pensare ad una conoscenza “implicita”. Ma cosa intende esattamente il Concilio con tale espressione, nuova nella storia degli insegnamenti magisteriali...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Aprile.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.