sabato 18 maggio 2024
  • 0
   
il Timone N. 77 di Novembre 2008

La perdita del centro

 

A partire dalla modernità l’arte ha (spesso) negato la sua vocazione di elevare al Bello, finendo per precipitare nel deforme, nell’irrazionale e nel disarmonico.
Il turbamento del rapporto con Dio stravolge la comprensione dell’uomo, della natura e dell’arte stessa.

 

«Ogni opera d'arte è figlia del proprio tempo, e spesso è madre della nostra sensibilità», affermava il celebre pittore Wassily V. Kandinsky (1886-1944), così esprimendo, da una parte, l'influsso di ogn...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Novembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.