domenica 16 gennaio 2022
  • 0
di Laura Boccenti
il Timone N. 36 di Settembre 2004

La prudenza, fondamento delle virtù morali

 

 

 

 

La prudenza è la capacità per cui l’uomo conosce e decide, percepisce la realtà e comanda al volere e all’agire di tendere al bene conosciuto. Essa si applica a tutte le altre virtù morali, stabilendo il modo in cui l’atto buono deve essere compiuto.
 
 

L' uomo buono è colui che sa scegliere il bene e compierlo; la realizzazione del bene è cosa completamente diversa sia dall'osservanza pura e semplice della prescrizione morale, sia dall'...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Settembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.