sabato 01 ottobre 2022
  • 0
di Vincenzo Sansonetti
il Timone N. 220 di Settembre 2022

Natuzza, l’enigma del sangue

La vita di Fortunata Evolo, più nota come Natuzza, non smette a distanza di anni dalla sua morte di incuriosire chiunque apprenda dei fenomeni di cui fu protagonista. In particolare, a lasciare senza parole è l’emografia, vale a dire la comparsa di numerose scritte – anche in lingue straniere o antiche, del tutto sconosciute alla mistica calabrese – e immagini sacre sui tessuti entrati a contatto con le piaghe che regolarmente le si formavano sulla pelle.

Vincenzo Sansonetti ha fatto una lunga intervista a Valerio Marinelli, docente universitario, scrittore e soprattutto biografo di Natuzza Evolo. Attraverso le rivelazioni di questo studioso – che conobbe, frequentò e studiò l’emografia in prima persona – il lettore può riflettere sul mistero di quelli che sembrano proprio messaggi del Cielo, paradossalmente la spiegazione più plausibile di questo enigma.

Per leggere l’articolo acquista Il Timone o abbonati

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Settembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche