domenica 16 gennaio 2022
  • 0
di Lorenzo Bertocchi
il Timone N. 212 di Dicembre 2021

«Nel presepe c’è gente che ha “ignorantezza”»

«Non è stato facile passare la stagione estiva nella Pensione Cinzia mentre quasi tutti i miei coetanei andavano in spiaggia a corteggiare le ragazzine tedesche. Però, col senno di poi, devo ringraziare i miei genitori di avermi fatto fare questa esperienza di lavoro minorile. Ho avuto la fortuna di imparare il mestiere più bello del mondo: il cameriere». Così racconta Paolo Cevoli, attore e comico che ha portato a teatro anche “La Bibbia”, già imprenditore nel settore della ristorazione, ma soprattutto nato a Riccione nel 1958. È qui che fa la sua prima vera esperienza lavorativa e dove inesorabilmente assume la sua romagnolità. Tenendo insieme un po’ tutto questo e molto altro ha scritto un libro intitolato Manuale di marketing romagnolo (Ed. Solferino).

Paolo, se Giuseppe e Maria si fossero presentati alla Pensione Cinzia di Riccione, anche in alta stagione, come sarebbe andata la storia?

«Di sicuro avrebbero trovato posto. I proprietari sarebbero andati a dormire nel garage pur di dargli una stanza…»

Per leggere l’intervista acquista Il Timone o abbonati

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Dicembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche