giovedì 30 maggio 2024
  • 0
di AnnaMaria Cenci
il Timone N. 13 di Maggio 2001

Noè e il Diluvio Universale

 

In Genesi 6-9 è scritto che il diluvio universale fu uno spaventoso castigo divino. Per ben sei volte è detto che Dio lo volle per la corruzione estrema dell’umanità. Prima del diluvio non vi erano né leggi né carceri. Se ciò accadesse oggi, la convivenza umana sarebbe impossibile. È scritto che: “la terra era corrotta… e piena di violenza”.
Ma fra innumerevoli esseri perversi, vi è un uomo giusto, Noè. Egli si salva per la sua giustizia. Quanto sia preziosa per Dio l’anima di un giusto, che persevera nel bene in una marea di fango, è messo in rilievo in questa pagina della Bibbia. Noè sarà il nuovo Adamo, capolavoro di Dio. Egli viene ricordato in Isaia 54...
Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Maggio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.