lunedì 22 aprile 2024
  • 0
di Lorenzo Bertocchi
il Timone N. 233 di Novembre 2023

«Non tutto ciò che è nuovo è vero e buono»

Il suo ultimo libro, Fedeltà e rinnovamento (Ed. Ares), è un’opera di saggezza. Non è un testo facile, ma è un testo che merita di essere letto con la matita in mano, pronti a sottolineare e riflettere. Si dirà che sono cose poco alla moda, ma dal cardinale Ennio Antonelli, classe 1936, ci arriva una lezione che ha poco a che fare con le mode e molto, invece, con le cose perenni. Questa idea di serena fermezza che emerge conversando con lui è l’antidoto più potente oggi, dove tutto, fuori e dentro la Chiesa, sembra mutare con troppa facilità.

Eminenza, lei dice di aver scritto questo libro a causa di una «pericolosa e deviante tendenza teologica» in atto nel mondo cattolico. A cosa si riferisce?

«Mi riferisco a una tendenza piuttosto diffusa in Europa che interpreta il cristianesimo in modo riduttivo: la fede sarebbe solo un’esperienza vitale, pratica, senza verità da credere. Secondo alcuni teologi, non è possibile nessuna conoscenza di Dio mediante nozioni umane concettuali e non sono possibili interventi speciali di Dio nella storia. Perciò non…

Per leggere l’intervista acquista Il Timone o abbonati

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Novembre.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.