domenica 28 novembre 2021
  • 0
di Stefano Fontana
il Timone N. 175 di Luglio 2018

Una politica sottomessa ai mercati

(…) L’altro aspetto ad aver caratterizzato la complessa fase di gestazione del nuovo governo [italiano] è stato il rifiuto del Presidente Sergio Mattarella di accettare l’economista Paolo Savona al super-ministero dell’economia in quanto considerato poco gradito in Europa. Rifiutando il nome di Savona, Mattarella ha affermato di aver così difeso i risparmi degli italiani. Con ciò voleva dire che la presenza di un euroscettico a quel ministero avrebbe messo in pericolo l’affidabilità italiana all’interno dell’Unione, avrebbe distolto i risparmiatori dall’investire nel nostro Paese e avrebbe aumentato la differenza tra i titoli di Stato italiani e quelli tedeschi (il famoso spread). Con queste parole il Presidente ha detto una cosa istituzionalmente corretta, ma politicamente sbagliata.

Corretta perché l’adesione ai trattati dell’Unione europea è ormai presente nella Costituzione. Politicamente sbagliata perché così viene sottomessa la politica all’economia. All’affermazione del nostro Presidente della Repubblica hanno fatto seguito le parole ancora più dure e ciniche del Commissario UE Günther Oettinger, per il quale «i mercati insegneranno agli italiani come votare»…

Per leggere l’articolo integrale, acquista il Timone di Luglio.
Acquista una copia de il Timone in formato cartaceo.
CARTACEO
Acquista una copia de il Timone in formato digitale.

Potrebbe interessarti anche